Ti trovi qui
Home > Cronaca > La compagna di Turi Cappello a capo dei narcos napoletani

La compagna di Turi Cappello a capo dei narcos napoletani

CATANZARO

L’operazione “Gerry” trova il suo epilogo. La complessa attività investigativa, condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catanzaro e dalla Dda, si conclude con l’arresto di tutti gli appartenenti di due agguerriti sodalizi che meno di un mese fa, il 23 marzo scorso, avevano subito l’ennesimo duro colpo inferto con il fermo di 18 militanti.
I militari sono riusciti a sequestrare al porto di Livorno 300 kg di cocaina e circa 17 kg di codeina, ricostruendo, poi, un’ulteriore importazione di 57 chili di narcotici e numerosi altri tentativi di importazione non andati a buon fine. Le indagini hanno provato come i criminali riuscivano ad ottenere importanti guadagni anche dalla compravendita di partite di marijuana, hashish ed eroina. A capo della struttura n’dranghetista c’era Rosario Arcuri che negli anni aveva stretto solidi rapporti con dei narcos napoletani, capeggiati da Maria Rosaria Campagna, pluripregiudicata e compagna del noto boss di Catania Salvatore Cappello, attualmente detenuto in regime di carcere duro. L’intera operazione “Gerry” ha permesso di infliggere all’organizzazione delinquenziale rilevanti perdite economiche, sia sotto il profilo dei capitali investiti che dei mancati guadagni, e, con le operazioni odierne, di decapitare definitivamente i sodalizi. La droga complessivamente sequestrata, una volta lavorata ed immessa in commercio, raggiunte le piazze di spaccio, avrebbe fruttato all’organizzazione oltre 100 milioni di euro.

Articoli Consigliati

Top