Ti trovi qui
Home > Apertura > Gestione servizio idrico, il sindaco Garozzo: «In sede penale emergerà l’infondatezza delle accuse»

Gestione servizio idrico, il sindaco Garozzo: «In sede penale emergerà l’infondatezza delle accuse»

SIRACUSA

Nell’occhio del ciclone della guardia di finanza è finito ieri il sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, per un danno erariale di oltre 2 milioni e 800 mila euro sulla gestione del servizio idrico. Oggi è lo steso Garozzo a rispondere, attraverso una nota, alle accuse.

«Non c’è nulla di nuovo – ha detto il – la guardia di finanza non ha fatto altro che acquisire i dati della consulenza dell’ingegner Boeri nominato dai pubblici ministeri Longo e Di Mauro nel procedimento penale sulla gestione del servizio idrico e trasmetterli ala procura della corte dei conti che dovrà valutarli. E’ una consulenza di parte – ha continuato Garozzo – sulla quale non c’è stato alcun contradditorio. Si tratta, insomma, di un’ipotesi basata sulle conclusioni di un consulente».

«Sono assolutamente sereno – si dice il sindaco – che in sede penale emergerà l’infondatezza delle accuse. Prendo atto che tutte le mie responsabilità deriverebbero dalla firma di un’ordinanza adottata nell’arco di 24 ore e in emergenza per assicurare il servizio idrico alla città, il funzionamento del depuratore e per dare risposte a quasi 160 lavoratori e alle loro famiglie»

13 aprile 2017

Articoli Consigliati

Top