Ti trovi qui
Home > Cronaca > Il ministro Orlando a Catania: «Importante che lo Stato sia presente»

Il ministro Orlando a Catania: «Importante che lo Stato sia presente»

CATANIA

Giornata siciliana oggi per il ministro della Giustizia Andrea Orlando. La prima tappa tra gli studenti del quartiere catanese di Librino per parlare di legalità e giustizia: Il ministro ha risposto alle domande dei ragazzi: da come evitare la fuga dei cervelli, a come fare a vivere nella legalità quando le notizie che arrivano raccontano anche altro: «Scorciatoie che portano al baratro – ha risposto lui – sono vite che distruggono e che si distruggono». All’istituto omnicomprensivo “Pestalozzi” di Catania, da un lato i ragazzi, dall’altro le istituzioni per rimarcare un segnale nel territorio. «È importante che lo Stato sia presente – ha detto il ministro Orlando – ma anche con la scuola, con le parrocchie, sostenendo l’attività delle associazioni, facendo un lavoro che cosenta di mantenere vivo un tessutto aggregativo e sociale perchè la mafia avanza anche dove c’è una desertificazione della società».
Un messaggio che incoraggia, quello lanciato oggi dal quartiere catanese, spiega Emanuele Rapisarda, dirigente dell’istituto omnicomprensivo “Pestalozzi” di Catania.
E tra una domanda e l’altra, per il ministro,
candidato alla leadership Pd, anche il tempo di un commento sui risvolti del caso Consip. «La vicenda – ha detto – e le sue irregolarità sono emerse anche grazie all’attenzione della magistratura e la fiducia nella giustizia non va messa in discussione. È una vicenda nella quale non posso, né voglio entrare, se non per dire che è una vicenda, per il profilo che è emerso, inquietante». E a margine dell’incontro anche un commento del ministro, in corsa verso le primarie, sul ruolo del Pd nell’isola: «Penso che l’idea di un partito che riconquisti una dimensione popolare abbia fortissimi ragioni e fortissimi legami conle domande siciliane».

11 aprile 2017

Articoli Consigliati

Top