Ti trovi qui
Home > Attualità > “Oltre il muro”: il 30 marzo il 17° congresso della Cisl

“Oltre il muro”: il 30 marzo il 17° congresso della Cisl

CATANIA

Con 180 delegati, di cui 49 donne, 4 immigrati e con tanti giovani sotto la soglia dei 35 anni, si terrà giovedì 30 marzo, dalle 9, all’hotel Parco degli Aragonesi (Lungomare Kennedy Plaia Catania) il 17esimo congresso territoriale della Cisl di Catania sul tema “Oltre il muro – Per la persona, per il lavoro, per il territorio”.

Il congresso della Cisl di Catania è la tappa finale di un lungo e capillare percorso democratico, che ha l’obiettivo di rinnovare il gruppo dirigente e rafforzare la scelta originaria del radicamento della CISL nei posti di lavoro e nel territorio.

Per arrivare alla data del 30 marzo, si sono già svolte 435 assemblee precongressuali, eletti 1012 delegati ai congressi di federazione, svolti 18 congressi di federazione, eletti 332 delegati per i congressi di federazione regionali. I lavori di giovedì 30 marzo saranno aperti da Maurizio Attanasio, segretario generale della Cisl etnea, con un’ampia relazione sullo stato di salute dell’economia e del mondo del lavoro catanese e siciliano e sui temi di politica sindacale nazionali e locali.

Seguirà il saluto delle autorità e dei rappresentanti delle istituzioni presenti. Quindi, il dibattito con gli interventi dei delegati provenienti dalle categorie sindacali. Le conclusioni saranno affidate a Mimo Milazzo, segretario generale della Cisl siciliana.

Seguiranno l’elezione del segretario generale e della segreteria territoriali, e gli adempimenti statutari finali. «A Catania, come nel resto della Sicilia – afferma Attanasio – persistono evidenti fragilità economiche, con un mercato del lavoro che si dibatte tra ripartenza e criticità strutturali, e soprattutto con l’aumento della disoccupazione giovanile, l’estendersi della povertà, delle disuguaglianze e delle differenze di benessere sociale ed economico, veri e propri muri che impediscono di guardare con serenità al futuro».

«Ecco perché – aggiunge – abbiamo affiancato al tema nazionale “Per la persona, per il lavoro” il nostro “Oltre il muro”, ispirandoci alle parole di Papa Francesco, per significare l’urgenza di abbattere i muri che dividono, dell’emarginazione, della disoccupazione, dell’emigrazione, della povertà, e costruire ponti che consentano di far diminuire le diseguaglianze e accrescano la libertà e i diritti».

28 marzo 2017

 

Articoli Consigliati

Top