Ti trovi qui
Home > Apertura > Operazione “Brotherhood”, avvocato arrestato per estorsione

Operazione “Brotherhood”, avvocato arrestato per estorsione

La guardia di finanza di Catania ha sequestrato all'interno di una abitazione privata a Misterbianco oltre 250 kg di fuochi di artificio irregolari.

CATANIA

Nel giugno dello scorso anno l’arresto di sei persone, tra cui il reggente della famiglia mafiosa degli “Ercolano”, operazione in cui furono accertati anche stretti legami fra esponenti della massoneria e “cosa nostra” catanese. Oggi lo sviluppo di quel filone d’inchiesta ha portato ad un’ordinanza di misure cautelari agli arresti domiciliari per Antonio Drago e Antonino Finocchiaro accusati di estorsione.

Durante le indagini condotte dai finanzieri furono ricostruiti diversi episodi estorsivi gestiti direttamente da Aldo Ercolano e acquisite dalle vittime dichiarazioni relative alle modalità di pagamento del “pizzo”. L’Avvocato catanese Antonio Drago si era avvalso di una “squadra” composta, tra gli altri, da Antonino Finocchiaro – parente con esponenti del clan mafioso Santapaola-Ercolano – per ottenere il pagamento di somme relative all’affitto di un immobile di sua proprietà a Catania. L’inquilino dell’immobile, per il mancato pagamento di una rata d’affitto di 450 euro è stato costretto a lasciare l’appartamento ed ha ricevuto da Drago la richiesta di una somma notevolmente superiore.

Il professionista catanese si è rivolto a Finocchiaro per costringere il suo ex inquilino, mediante minacce a consegnargli un assegno pari a mille euro. Atto per il quale Drago ha ricompensato il gruppo di Finocchiaro. Il tribunale preso atto della pericolosità del profilo dell’avvocato catanese ha ordinato il provvedimento di arresti domiciliari.

25 marzo 2017

Articoli Consigliati

Top