Ti trovi qui
Home > Apertura > Notte dei Musei e Giornate Fai: tutti i luoghi da visitare (a Catania)

Notte dei Musei e Giornate Fai: tutti i luoghi da visitare (a Catania)

CATANIA

Oltre 19 siti culturali aperti appositamente per le due iniziative Notte dei Musei (sabato 25) e le Giornate di Primavera Fai (sabato e domenica). Ecco gli orari, le modalità di tutti i luoghi dettagliati (dei siti aperti a Catania), compresi i più gettonati

Quando arriva la primavera si aprono le finestre per far entrare l’aria fresca e non solo; si aprono le porte ai musei, alle chiese, ai siti archeologici o comunque di interesse culturale: in sintesi le città si aprono alle iniziative.
E questo fine settimana, il primo dall’arrivo della stagione mite, sarà all’insegna di due iniziative che, con orari e modalità specifiche città per città, si sviluppano in tutta Italia: la Notte dei Musei e le Giornate di Primavera Fai.
Il Fai (Fondo ambientale italiano) ha infatti rinnovato le Giornate di Primavera, giunte quest’anno alla 25° edizione.
La delegazione catanese ha puntato sulla valorizzazione di 9 “tesori” cittadini che aperti per l’occasione, daranno l’opportunità anche ai catanesi – a mo’ di turisti, e a turisti e veri e propri – di riscoprire vie, piazze ed edifici che per bellezza e storia, non passano certo inosservati ma di cui non sempre se ne conoscono storie e vissuto.
Grazie a queste due Giornate di Primavera volute dal Fai (sabato 25 e domenica 26 marzo), questi gioielli saranno visitabili anche se non si è soci Fai. Sono due le piccole differenze: la prima sta nel fatto che ai soci è data l’opportunità di poter visitare tutti e 9 i siti di interesse aperti per questa edizione mentre i non tesserati potranno visitarne 6; la seconda è che per i tesserati l’ingresso è gratuito; mentre per i non soci i volontari richiederanno un contributo a sostegno dei progetti FAI.
Ma per chi volesse visitarli tutti, è possibile tesserarsi in uno dei siti aperti e da quel momento, tutte le porte saranno aperte!

Ma quali sono i luoghi da visitare? Facciamo in distinguo. Per non creare confusione, suddivideremo gli appuntamenti in Notte dei Musei, le cui iniziative si svolgeranno solo sabato 25 marzo e dalle 19 alle 24.00; e le due Giornate di Primavera Fai, che invece avranno le porte aperte sia sabato che domenica (ad eccezione di qualche sito, aperto solo domenica).

Entriamo nel dettaglio delle Giornate di Primavera Fai. Seguiranno i siti per la Notte dei Musei
Le caratteristiche architettoniche e artistiche del Teatro Massimo Bellini (aperto dalle 9.30 alle 16.30) saranno illustrate dagli studenti di diversi istituti scolastici catanesi che per l’occasione saranno “apprendisti ciceroni”; domenica dalle ore 10:45 sarà possibile prendere parte alla Conversazione intitolata “Dal Gran Teatro comunale al Teatro Massimo Bellini. Viaggio in uno degli edifici più importanti della città”.
A stretto giro, in Piazza Vincenzo Bellini, ecco la Casa del Mutilato, dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 18:30 (sia sabato che domenica) sarà possibile visitarne l’interno e scoprire cosa racchiude questo sito cui vicenda storica è stata particolarmente turbolenta. Anche qui i ciceroni vi racconteranno la storia si questo palazzo.
Da un teatro all’altro, spostandosi un po’ verso via A. di Sangiuliano, troviamo il Teatro Sangiorgi nato come teatro all’aperto ed edificato nel rispetto del gusto liberty, che ha vissuto fasi altalenanti di successo e non – raccontate dai ciceroni – sarà aperto al pubblico dalle ore 9:30 alle 16:30 (sabato e domenica stessi rari). Da non perdere l’occasione, il concerto degli allievi del Liceo musicale “G.Turrisi Colonna”, sabato 25 marzo dalle ore 11:30 alle 12:00.
Lo splendido Palazzo Manganelli, del 1400, sarà aperto solo per la giornata di domenica 26 dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 18:30: qui accompagnati dai ciceroni si avrà l’opportunità di visitare il palazzo e il bellissimo giardino pensile.
Da una casa all’altra. Se siete interessati a conoscere i luoghi in cui il “verista” siciliano per eccellenza, Giovanni Verga, visse creando personaggi di una formidabile ricchezza letteraria come Mastro Don Gesualdo, allora dovete andare a visitare Casa Verga. Nelle date di sabato 25 e domenica 26 dalle ore 9.30 alle 13:00 e dalle 15.30 alle 18.30, sarà possibile visitare la dimora dello scrittore siciliano. I dettagli sul ruolo dell’abitazione nella produzione letteraria verghiana e i particolari sui manoscritti e i 2.300 volumi custoditi nella casa, saranno rivelati dagli Apprendisti Ciceroni. Una visita guidata inedita, avrà luogo domenica 26 alle ore 12:45, mentre nel pomeriggio della stessa giornata alle ore 17:00 l’attrice Tiziana Giletto reciterà brani tratti da alcune opere di Verga.

Se invece siete interessati alla storia, gli aneddoti e alcuni retroscena relativi alle chiese, allora non potete perdervi il “tour delle chiese”. Si parte con la Chiesa Santa Maria di Gesù dalla omonima piazza che sarà aperta sabato 25 ore dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15.30 alle 18.30, stessi orari anche per domenica 26 marzo. Le visite saranno curate dagli Apprendisti Ciceroni vi illustreranno all’interno della chiesa, le opere di Angelo de Chierico, Giuseppe Zacco, Antonello Gagini e un Crocifisso ligneo del siciliano Frà Umile da Petralia.
Passerete a visitare poi il Chiostro della Chiesa Santa Maria di Gesù e l’Istituto tecnico industriale “Archimede” che saranno aperti sia sabato 25 che domenica 26 dalle ore 9.30 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 18.30. Le visite saranno curate come sempre dagli Apprendisti Ciceroni che segnalano l’appuntamento delle 17:00 (nell’Aula magna dell’Istituto tecnico industriale “Archimede”) in cui si terrà la Conversazione “La Contrada di Santa Maria di Gesù e l’espansione della città verso nord-ovest”.
È giunto il momento di visitare l’ex Sanatorio Clementi, costruito tra il 1901 e il 1904, oggi sede di un istituto bancario. Anche questo edificio si colloca in Piazza Santa Maria di Gesù, e potrà essere visitato insieme ai Ciceroni dalle ore 9:30 alle 13:00 e il pomeriggio dalle 15:30 alle 18:30.
Infine la Chiesa San Martino dei Bianchi, nota come la “Confraternita dei Bianchi” (aperta sabato 25 e domenica 26 dalle ore 9.30 alle 13:00 e nel pomeriggio dalle ore 15.30 alle 18.30) dove sarà possibile scoprire un luogo simbolo della Confraternita e con esso la storia di questa aggregazione, cui finalità aveva a che fare con la condizione dei condannati a morte. Per scoprire meglio questa vicenda e altri interessanti curiosità su questa realtà, i visitatori avranno modo di approfondire grazie alle guida fornite dagli Apprendisti Ciceroni che forniranno altre interessanti informazioni durante la Conversazione “Per una storia della Confraternita dei Bianchi”, che si terrà sia sabato che domenica dalle 18:10 alle 18:30. Al termine di questo appuntamento, esclusivamente nella giornata di domenica presso la Chiesa San Martino dei Bianchi si terrà il concerto dell’Orchestra giovanile “Falcone-Borsellino”.

Con la Notte dei Musei, a partire dalle 19, si potranno visitare gratuitamente il Palazzo della Cultura, la Cripta S. Euplio, il Complesso monumentale della Rotonda, l’Anfiteatro romano, la Chiesa di San Francesco Borgia, i tesori di piazza Università con il Teatro Machiavelli.
A pagamento invece, con ticket ridotto per l’occasione, saranno aperti il Castello Ursino, i Musei Belliniano e Emilio Greco, la Chiesa San Nicolò l’Arena (con spettacolo teatrale), il Teatro Antico, la Casa Verga, il Teatro Massimo Vincenzo Bellini, la Cattedrale, la Badia di Sant’Agata, le Terme Achilliane, il Museo Diocesano, la Chiesa e Cripta di S. Gaetano alle Grotte, la Chiesa Sant’Agata La Vetere, il Santuario Sant’Agata al Carcere, il Monastero dei Benedettini, il Museo Tattile “Borges”.
L’offerta culturale sarà arricchita dall’itinerario dedicato alle sculture monumentali del centro storico, con partenza da piazza Stesicoro, dagli eventi della Walk of Life – Festa di Primavera in piazza Università e ancora dalle danze ottocentesche in piazza Duomo.

Il programma in dettaglio, la Notte dei Musei, ricordando che è valido solo per sabato 25 marzo:

Palazzo della Cultura, Via Vittorio Emanuele, 121 (ad ingresso libero) ore 19,00 sala mostre ex caffè letterario, inaugurazione della mostra di sculture “Amor sacro e amor profano” di Dino Cunsolo – visitabile “l’Icona votiva di Sant’Agata”; realizzata dal maestro Salvo Ligama all’interno degli antichi resti di casa Platamone – sono inoltre visitabili le installazioni fisse presso la Torre Saracena: Opera pittorica “Regolo”; Opera pittorica “LAS CUCHARILLAS PARA EL CAFFE FLORIAN” Opera pittorica “Agata è per sempre”; Candelora dedicata ai Devoti in onore di S. Agata; alle ore 18,00 nella Sala auditorium Concetto Marchesi, la presentazione del libro “Il soffio” di Maria Ausilia Palermo (Carthago Editore).
A pagamento con tariffa ridotta (10.00 euro) la mostra “Escher” ; per info e prenotazioni visite guidate il numero è +39 344 2249701, per le visite guidate su prenotazione è previsto il costo di 3 euro da aggiungere al prezzo del biglietto. Orari ore 19,00 – 20,00; 21,00 – 22,00.

Al Castello Ursino, Piazza Federico di Svevia (ore 19.00-24.00; ultimo ingresso ore 23.15) con il costo del biglietto di 2,00 euro si potranno visitare solo la pinacoteca e la mostra allestita all’ultimo livello dal titolo: “Il genio di Andy Warhol”.

Al Museo Belliniano in Piazza S. Francesco d’Assisi, 3 (con apertura dalle 19,00 alle ore 24,00 ultimo ingresso ore 23.30, con biglietto d’ingresso di 1,0 euro), si potranno leggere le note del celebre Cigno, attraverso gli spartito custoditi all’interno di teche in legno e vetro.

Nella stessa piazza il Museo Emilio Greco dove con un biglietto del costo di euro 1,00 (dalle ore 19,00 alle ore 24,00 ultimo ingresso ore 23.30), potrete ammirare il pensiero creativo del celebre pittore.

Vi spostate un po’ a piedi e vi trovate in Piazza Dante dove potrete entrare nella Chiesa Monumentale di San Nicolò l’Arena, e conoscerne segreti e miti (orari 19,00/24,00; ultimo ingresso ore 23,30. Costo del biglietto 1,00 euro).
Alle 21,00 presso la “Sacrestia lignea” si terrà la prima performance a cura del Teatro Stabile di Catania dal titolo Solo Andata, nell’ambito della rassegna contemporanea Altrove, che prevede in tutto cinque “mise en espace”. Costo del biglietto per lo spettacolo 5,00 euro.
Sempre in piazza dante, all’interno dell’ex Monastero dei Benedettini le visite guidate già dalle 20.30 e sino alle 23.30 con partenza ogni 30 minuti, con un biglietto ridotto corrisponde a 5.00 euro e la prenotazione è obbligatoria (ai numeri 095 7102767/ 334 9242464), vi faranno fare il tour delle antiche cucine sotterranee dei benedettini.

Dalle 19 alle 23.00, con prenotazione necessaria (telefonare al 331/7495344) si potrà visitare la Cripta S. Euplio, in Via Sant’Euplio, 29.

Con ingresso libero dalle 18,45 alle 23,00, potrete visitare il Complesso monumentale della Rotonda Piazza Mecca (ci troviamo tra Via A. di Sangliuliano e via Teatro Greco).

Dalle 18,30 alle 22,30 con ingresso libero potrete ammirare ed entrare nell’Anfiteatro romano di Piazza Stesicoro, un tempo sede di spettacoli e poi di arena.

Se le scale a chiocciola strette e ripide non vi spazientiscono, né le altezze vi preoccupano, allora la Badia di S. Agata in via Vittorio Emanuele è ciò che fa per voi. Qui potrete visitare la terrazza e la cupola, e ammirare Catania dall’alto, padroneggiando un panorama che si estende sino al porto. Qui è previsto l’ingresso con tariffa ridotta di 2,00 euro, ma ne vale pena: è un sito molto ambito dunque tenete a mente gli orari dalle ore 19,00 alle ore 24,00, con ultimo ingresso ore 23,45, perché ci sarà da fare forse, un po’ di fila.

Altro sito particolarmente gettonato, le Terme Achilliane, in Piazza Duomo, nonostante sia a pagamento (1 euro). Dalle 19.00 alle 24.00 (ultimo ingresso ore 23.30). Sarà possibile acquistare i biglietti al Museo Diocesano o davanti all’ingresso delle Terme. Il pubblico sosterà nell’area esterna della Cattedrale, lungo la balaustra, e l’accesso al sagrato sarà fruito solamente dal gruppo che visiterà il sito.

Pochi passi e siete arrivati al Museo Diocesano, in via Vittorio Emanuele, dove con un
biglietto d’ingresso di 2.00 euro acquistabile direttamente al (dalle 19.00 alle 24.00), potrete visitare le grandi e le piccole sale in cui sono custoditi libri antichi di incalcolabile pregio per storicità e fattezza.

In piazza Carlo Alberto, al costo di 1.00 euro dalle ore 19.00 alle ore 23.30 (ultimo ingresso ore 23.00), potrete visitare la Chiesa e la cripta di S. Gaetano alle Grotte.

Nella Chiesa di San Francesco Borgia (via Crociferi) potrete ammirare gratuitamente la Mostra “Dopo l’Antico” con le visite guidate fino alle 23,00.

Per i devoti agatini, ecco due momenti importanti: la Chiesa Sant’Agata La Vetere, con orario d’apertura dalle 19:00 alle 24.00, con un biglietto di 1 euro per la visita guidata, potrete ammirare: il Primo scrigno reliquiario (XII sec), il Sarcofago di Sant’Agata, i resti dell’antica cattedrale (pre- terremoto 1693), la Cripta e i colatoi (XIX sec), la Candelora dei fiorai e il dipinto di G. Sciuti (Madonna dei Bambini); e il Santuario Sant’Agata al Carcere (Piazza S. Carcere, 7), un percorso di visita al complesso storico del Santuario di Sant’Agata al Carcere, con il nuovo inedito itinerario che comprende gli scavi archeologici della sagrestia, gli archi romani, il salone, la torretta medievale e la terrazza. Contributo 3.00 euro. Informazioni: carceresantagata@gmail.com oppure 338.1441760; orari visite 19.00-24.00.

Anche il Museo Tattile “Borges”, Via Etnea, 602 aprirà le porte ai visitatori dalle 19.00 alle 24.00, senza obbligo di prenotazione, offrendo loro un’opportunità di visita e di scoperta all’interno di una struttura unica nel meridione che ospita numerosi plastici architettonici, una sorta di passeggiata “virtuale” suddivisa per sale e sezioni che permettono di scoprire forme, proporzioni, dimensioni e caratteristiche che coinvolgono e incuriosiscono tutti i visitatori, siano essi non vedenti o vedenti. Il percorso continua con un Giardino Sensoriale dove bendati, è possibile vivere un’esperienza alla scoperta degli altri sensi (tatto, udito ed olfatto) fino a giungere al primo Bar al buio; permanente e successivamente al laboratorio didattico all’interno dello Showroom “Frammenti di Luce” dove i non vedenti potranno conoscere e acquistare tutti i presidi tecnologici per la loro autonomia.
Costo del biglietto intero 3,50, biglietto ridotto 2,50; per under 12, gruppi oltre 10 persone, studenti, giornalisti, forze dell’ordine ed over 65, biglietto gratuito per disabili e loro accompagnatori, bambini under 10.

Anche la Cattedrale di Catania, dalle ore 20.30 alle 23,30, potrà essere visitata. L’ingresso avverrà attraverso il cancello di Via Vittorio Emanuele e quindi dal portale rinascimentale (orario ultimo ingresso ore 23,00).
Eccezionalmente potrà essere visitata la Cappella di Sant’Agata. Il percorso verrà accompagnato dalle note del monumentale organo restaurato di recente e illustrato in un apposito depliant. Ai visitatori è richiesto un contributo di 2 euro.

Il Teatro antico via Vittorio Emanuele, 266 visitabile dalle 19,00 alle 23,00 con ingresso tariffa ridotta 3,00 euro.

La Casa Verga Via Sant’Anna, 8, visitabile dalle 19,00 alle 22,00; ingresso con tariffa ridotta 2,00 euro;

Ed ancora il Teatro Massimo V. Bellini, Piazza Teatro Massimo. Visite guidate su prenotazione: 21.00/23.30 costo con biglietto incluso 5 euro.

I tesori di piazza Università: il Teatro Machiavelli, ossia il primo teatro dei pupi di Catania; e Le leggende dei 4 lampioni. Visite ogni 30 minuti a partire dalle .19.00 sino alle 22.30. Punto d’incontro: ingresso del Teatro Machiavelli, piazza Università, 13. Non è necessaria la prenotazione.

Itinerario dedicato alle sculture monumentali visibili nel centro storico della città.
Appuntamento alle 20.00 in piazza Stesicoro, presso il monumento dedicato a Vincenzo Bellini. Si scenderà per via Etnea fino a piazza Università dove verranno commentati i lampioni bronzei di Lazzaro e il monumento dedicato a Giuseppe Gioeni d’Angiò, opera di Mario Rutelli. Quindi si vedrà piazza Duomo e le fontane monumentali di Vaccarini e Angelini, si concluderà in piazza dell’Indirizzo.

In Piazza Università alle ore 20.00, la “Walk of Life – Festa di Primavera” il Concerto/Musica per Telethon; e in Piazza Duomo dalle ore 20,00 le Danze Ottocentesche: un corteo di circa 22 danzatori in abiti ottocenteschi uscirà dal Palazzo degli Elefanti accompagnato dalle musiche di Strauss, disponendosi in cerchio nella Piazza Duomo, dove si realizzeranno coreografie di danze dell’Ottocento.

Infine dalle 19,00 alle 24,00 non mancherà l’Autobooks con il suo carico di libri che sosterà in via Vittorio Emanuele, sul lato antistante la balaustra della Cattedrale: libri a scambio da prendere, regalare, italiani e stranieri.

24 marzo 2017

Articoli Consigliati

Top