Ti trovi qui
Home > Mondo > Trump spiato da Obama, la nuova ipotesi rilanciata dal portavoce della Casa Bianca

Trump spiato da Obama, la nuova ipotesi rilanciata dal portavoce della Casa Bianca

STATI UNITI

Barack Obama usò i servizi segreti britannici per spiare Donald Trump? La nuova ipotesi, avanzata da media Usa e rilanciata in queste ore dal portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, ha indotto la Gchq – agenzia d’intelligence di Londra già coinvolta nel Datagate con l’Nsa americana – a diffondere una rara smentita pubblica. Si tratta di “assurdità”, di sospetti “totalmente ridicoli che devono essere ignorati, ha detto un portavoce della Gchq citato stanotte dall’agenzia Pa.

A far circolare questi sospetti, ripresi in prima pagina sull’edizione in uscita nelle prossime ore del Daily Telegraph, era stato per primo l’ex giudice americano Andrew Napolitano, commentatore di Fox, come riporta ancora la Pa. Ma poi, ad avvalorarle, è intervenuto Spicer in persona, lasciando intendere che le accuse rivolte da Trump a Obama d’averlo fatto spiare – finora rimaste non provate e non avallate dal Congresso – potessero riferirsi a intercettazione realizzate per conto dell’ex presidente da agenzie di Paesi alleati come la Gran Bretagna e non americane. Spicer ha citato in particolare un’affermazione di Napolitano secondo cui «tre fonti d’intelligence hanno informato Fox News che il presidente Obama è andato al di fuori della catena di comando (per far controllare Trump) e non ha usato la Nsa, né la Cia, né l’Fbi o il Dipartimento di Giustizia, ma ha usato la Gchq».

Di qui la replica del portavoce della Gchq, espresse in questi termini: «Le recenti accuse rivolte da un commentatore televisivo, il giudice Andrew Napolitano, sul fatto che alla Gchq sia stato chiesto di condurre ‘intercettazioni’ contro il presidente eletto sono assurdità. Sono totalmente ridicole e dovrebbero essere ignorate».

17 marzo 2017

Articoli Consigliati

Top