Ti trovi qui
Home > Cronaca > Sarebbe evaso dai domiciliari: nuova accusa per Rosario Basile

Sarebbe evaso dai domiciliari: nuova accusa per Rosario Basile

PALERMO

Nuovo guaio giudiziario per il patron della Ksm, agenzia di vigilanza con ramificazioni in tutta Italia: Rosario Basile, che rischia già un processo per calunnia nei confronti della sua ex amante, dalla quale ha avuto un figlio, potrebbe essere sottoposto a un processo-bis, con l’accusa di evasione dagli arresti domiciliari.

L’imprenditore infatti, mentre si trovava ai domiciliari per la prima vicenda, non rispose al controllo notturno effettuato da una pattuglia di polizia lo scorso 21 settembre, che era a bordo di una volante. A Basile è già stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, ma lui proverà a dimostrare di non avere sentito il campanello, perchè fortemente provato a causa dello stress patito con l’arresto, le perquisizioni e l’interrogatorio, subiti la mattina precedente. L’imputato, che è ora difeso dagli avvocati Francesca Russo e Fabio Lattanzi, sostiene pure che la polizia andò a cercarlo nella villa sbagliata. Nell’altra inchiesta, Rosario Basile è accusato di aver tentato di dimostrare falsamente che la sua ex compagna avrebbe cercato di ricattarlo a causa della relazione e della nascita del bambino.

Articoli Consigliati

Top