Ti trovi qui
Home > Cronaca > Messina, visita a sorpresa di Crocetta agli operai in presidio

Messina, visita a sorpresa di Crocetta agli operai in presidio

«Con voi per batterci per il lavoro e per la Sicilia». Così il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta ha suggellato nell’ormai nutrito quadernone della solidarietà, la sua visita improvvisa agli ex Servirail, in presidio da poco più di due settimane a piazza Cairoli.

Il governatore nell’incontro ha colloquiato con il gruppo dei 25 rimasti fuori dalla risoluzione della vertenza dei cuccettisti inseriti nel Gruppo Fs. Nel 2012, dopo un anno di manifestazioni compresa l’occupazione del campanile del Duomo, con gli altri colleghi avevano, infatti, ottenuto di seguire il periodo di formazione cui doveva seguire l’assunzione, avvenuta di fatto solo per la metà di loro.

Crocetta, ha appreso i particolari della difficile situazione dal sindacalista che sta seguendo da vicino la vicenda, il responsabile regionale Mobilità Uiltrasporti Sicilia, Miche Barresi, ed ascoltato l’apprensione di questi padri di famiglia ormai da tempo senza occupazione.

Il presidente ha, quindi, chiesto di consegnarli una scheda con la relazione di tutto l’iter, per inoltrarla la prossima settimana al Ministero dei Trasporti e chiedere un incontro.

La “protesta gentile” degli ex Servirail ha ottenuto la vicinanza di tante personalità, a partire dall’arcivescovo Giovanni Accolla, il primo a portare conforto poco dopo l’allestimento del banchetto a Piazza Cairoli. A lui sono seguiti, tra gli altri, il sindaco Renato Accorinti, il presidente del Consiglio Comunale, Emilia Barrile, il deputato nazionale Vincenzo Garofalo – che a Roma sta “caldeggiando” questo problema anche direttamente presso le Ferrovie dello Stato -; il deputato regionale Nino Germanà; consiglieri comunali, presidenti e consiglieri di circoscrizione, oltre a tanta gente comune. Significativa, nei giorni scorsi, è stata la visita degli ex Birra Messina che, anch’essi, dopo anni di lotte, con l’impiego del loro Tfr, il contributo di un imprenditore privato e il sostegno di una parte della politica, hanno fondato la cooperativa Birrificio Messina, con la produzione di nuove etichette e raggiungendo in pochi mesi il milione di bottiglie vendute: anche questa una storia sofferta, vissuta pressoché contemporaneamente agli ex Servirail e con un finale positivo, così come si spera per chi ancora chiede che venga onorato un accordo siglato cinque anni fa.

 4 marzo 2017

 

Articoli Consigliati

Top