Ti trovi qui
Home > Cronaca > Tar Sicilia, Ferlisi: «Operiamo in penuria di uomini e di mezzi»

Tar Sicilia, Ferlisi: «Operiamo in penuria di uomini e di mezzi»

«Per quanto riguarda il tema delle risorse umane e materiali, come per l’anno scorso debbo dire che il Tar opera in regime di rilevante penuria di risorse umane e di mezzi. Gli effetti del cosiddetto turn over si sono aggravati e il blocco del ricambio del personale collocato a riposo implica, anno dopo anno, vuoti organici e operativi cui è veramente difficile fare fronte». E’ quanto si legge nella relazione del presidente del Tar Sicilia Calogero Ferlisi in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2017. «Circa il personale di magistratura – ha continuato -, l’organico del Tar Sicilia sede di Palermo ammonta a 18 unità più il presidente ma i posti coperti formalmente sono solamente 13 e di questi 2 posti occupati da un magistrato collocato fuori ruolo e da un magistrato che, quale componente del Consiglio di Presidenza della G.A., beneficia di un ridotto carico di lavoro pari ad un terzo del normale. Un terzo magistrato è stato assegnato temporaneamente a Roma». La dotazione organica del personale amministrativo, invece, «prevede 34 dipendenti, oltre il segretario generale, ma anche in questo caso risultano occupati in atto solamente 29 posti. Restano scoperti ben 5 posti di organico di cui un funzionario, e 3 assistenti amministrativi e, quel che appare più grave, non risulta rimpiazzato l’assistente informatico». Peraltro «al Tar Palermo dovrebbero essere assegnati due assistenti informatici, figure assolutamente indispensabili nell’attuale stato di avvio del processo telematico».

Articoli Consigliati

Top