Ti trovi qui
Home > Cronaca > Vertice camerale, Galimberti: «pronti a tutelarci legalmente»

Vertice camerale, Galimberti: «pronti a tutelarci legalmente»

CATANIA

«Dopo la conferenza Stato-Regioni, pronti a tutelarci legalmente». Parole schiette e dirette quelle pronunciate dal presidente della Confcommercio Catania, Riccardo Galimberti, in merito alla vicenda camerale (mancato accorpamento delle Camere di Commercio di Catania, Ragusa e Siracusa), questa mattina al vertice a cui hanno preso parte anche 20 sigle sindacali maggioritarie dell’assegnazione dei seggi per il costituendo consiglio della Camera del Sud Est che si riuniranno per comunicare la propria posizione.

«Abbiamo convocato questa conferenza stampa per fare chiarezza sulla vicenda del mancato accorpamento delle Camere di Commercio di Catania, Ragusa e Siracusa – spiega Riccardo Galimberti, presidente Confcommercio Catania. Le questioni di opportunità politica prevalgono ormai anche sui processi di autodeterminazione. Siracusa non ha i numeri per andare avanti, Ragusa è in una posizione intermedia. Il progetto di accorpamento è stato presentato proprio da Lo Bello all’ex presidente della Repubblica Napolitano.  Attendiamo la conferenza Stato regioni per poi eventualmente tutelarci anche in sede legale. Visto che potrebbero configurarsi i reati di abuso di atti d’ufficio o di omissione d’attività d’ufficio.  Se questo stato di limbo procederà fino a giugno, sarà Lo Bello a ridisegnare gli enti camerali. E cosa succederà? Magari Catania da sola? O unita con Messina? Dove stiamo andando? Di certo il tema non è la guerra Agen Lo Bello, ma l’importanza di un tessuto lavorativo e sociale che ha bisogno di risposte».
Agen, presente alla conferenza stampa non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

28 febbraio 2017

Articoli Consigliati

Top