Ti trovi qui
Home > Apertura > La Boschi a Taormina: «Tempi sono stretti, ma per maggio sarà tutto pronto»

La Boschi a Taormina: «Tempi sono stretti, ma per maggio sarà tutto pronto»

MESSINA

Taormina. Corsa contro il tempo per i cantieri del G7 a Taormina, in programma a maggio. Un vertice con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, si è tenuto quest’oggi al Comune. Poi è stato fatto il sopralluogo nei luoghi della cittadina turistica che ospiteranno le manifestazioni. A tre mesi dall’evento però (il G7 è per il 26 e 27 maggio), sono ancora molte le opere da realizzare, nonostante la pressione del commissario straordinario Riccardo Carpino.

I lavori riguardano, il cui via libera è arrivato ieri pomeriggio al termine di una conferenza di servizi alla prefettura di Messina, incentrata sui lavori per il G7 di maggio, prevedono: il piano di restyling delle strade di Taormina, circa 10 chilometri di arterie interne, e della Provinciale 10. Il via libera è arrivato ieri pomeriggio al termine di una conferenza di servizi alla prefettura di Messina, incentrata sui lavori per il G7 di maggio.

Intanto il problema della realizzazione delle due elipiste si è chiuso favorevolmente, «anche se entrambe saranno temporanee» ha fatto sapere nei giorni scorsi Riccardo Carpino, commissario straordinario per la realizzazione degli interventi infrastrutturali e di sicurezza.
«Un problema è il Palazzo dei congressi di Taormina – ha sottolineato il commissario straordinario per il G7 – perché non ha il certificato prevenzione incendi dal 2013 e richiede molte ristrutturazioni. Ho fatto un sopralluogo, stiamo cercando qualunque soluzione possibile. I tempi angosciano tutti – ha ribadito Carpino – ma si faranno tutte cose con procedure rigorosamente ordinarie».

«La sicurezza è uno dei temi oggetto della riunione che una volta a settimana teniamo a palazzo Chigi sul G7 – ha detto il ministro Maria Elena Bioschi. Saranno 6 mila le persone impegnate, tra Forze dell’Ordine e militari, e siamo già a buon punto».

«Il Consiglio dei Ministri – ha aggiunto – ha stanziato 15 milioni per il G7. Proseguiremo rapidamente e saremo pronti per maggio».

«I tempi sono stretti, ma per gli appalti avremo molta attenzione sulle procedure da seguire e la trasparenza».
«Abbiamo stilato un protocollo con l’Anac – ha aggiunto – ed è un ulteriore elemento di garanzia. I soldi pubblici, come sempre, vanno spesi tutti bene e in modo trasparente».

24 febbraio 2017

Articoli Consigliati

Top