Ti trovi qui
Home > Cronaca > Ladri acrobati in azione. Si arrampicavano dalle grondaie

Ladri acrobati in azione. Si arrampicavano dalle grondaie

CATANIA

La signora stava sorseggiando un cappuccino seduta ad un bar e loro la conoscevano e la stavano spiando. Era la preda perfetta. Così appena si è allontanata in auto sono entrati in azione. In due si sono arrampicati lungo la grondaia e uno faceva da palo per evitare che occhi indiscreti li notassero. Ecco come agivano i cinque soggetti che sono stati arrestati la scorsa notte dai poliziotti del Commissariato di Acireale. Erano devi bravi acrobati e sfidavano la forza di gravità, tanto il loro mestiere di ladri lo sapevano fare bene e nel catanese erano sempre in movimento. Si spostavano da un appartamento all’altro, praticando l’arrampicata e sfondando il vetro delle portefinestre. L’obbiettivo? Trafugare alla velocità della luce tutti gli oggetti d’oro presenti nelle abitazioni. In un caso hanno rubato anche la fede del marito deceduto, un dispiacere enorme per una delle vittime.

A gestire l’organizzazione erano Gaetano e Salvatore Rapisarda, padre e figlio, insieme con Alfio Barbagallo che in più di un occasione ha fatto il palo. Ma c’erano anche Giuseppe Aniello, Martino Rosario Scialacomo Calandra e Assunta Sebastiana Calabretta. Non solo furti in appartamento ma anche negli agrumeti.

In un caso, armati e con i volti travisati hanno tentato il colpo contro un imprenditore all’ingrosso che quel giorno aveva incassato circa diecimila euro. Ma l’aggressione sfumò perché vennero scoperti. I loro bottini migliori erano sempre e comunque i gioielli che poi rivendevano ai Compro Oro, in particolare a Misterbianco dove è stata ritrovata una consistente parte degli oggetti trafugati da questi uomini ragno.

22 febbraio 2017

Articoli Consigliati

Top