Ti trovi qui
Home > Apertura > Peculato per 15 mln di euro, frode per 30, oltre 1.700 controlli: i dati dello sperpero siciliano

Peculato per 15 mln di euro, frode per 30, oltre 1.700 controlli: i dati dello sperpero siciliano

La guardia di finanza di Catania ha sequestrato all'interno di una abitazione privata a Misterbianco oltre 250 kg di fuochi di artificio irregolari.

PALERMO

Il comando Regionale della Guardia di Finanza presenta i risultati del contrasto agli sperperi di denaro pubblico e alla corruzione in Sicilia nel biennio 2015/2016. Dati interessanti che fotografano la situazione dell’isola

Oltre 5500 controlli amministrativi su tutto il territorio, accertamenti sui flussi di denaro pubblico per circa 470 milioni e frodi scoperte per un totale 332 milioni di euro. E’ il bilancio dell’attività svolta negli ultimi due anni dal Comando Regionale Sicilia della Guardia di Finanza e finalizzata alla tutela della spesa pubblica e alla vigilanza sul regolare andamento della pubblica amministrazione.

In seguito agli accertamenti della Finanza 1.421 persone sono state denunciate per frode e 19 arrestate. Il contrasto alle truffe a danno della spesa previdenziale (indennità pensionistica e disoccupazione agricola su tutte) ha portato alla scoperta di 3.423 posizioni irregolari, per complessivi 30 milioni di euro circa di frode realizzata o tentata, mentre 1.630 controlli mirati hanno fatto emergere 940 cosiddetti falsi poveri.

Riguardo ai reati contro la pubblica amministrazione, le indagini svolte dai finanzieri delle province siciliane hanno portato alla denuncia di 872 persone, di cui 64 arrestate. Oltre 500 i pubblici ufficiali e i funzionari coinvolti.

Le Procure dell’isola hanno segnalato peculati per 15 milioni di euro, corruzioni e concussioni con prestazioni illecite accertate per oltre 2 milioni di euro e irregolarità in appalti e pubbliche forniture per oltre 105 milioni di euro.

Dagli accertamenti fatti su input delle Procure presso la Corte dei Conti, è emerso che tra il 2015 ed il 2016, il danno erariale ha raggiunto i 663 milioni di euro.

di Roberto Chifari

Articoli Consigliati

Top