Ti trovi qui
Home > Apertura > Muore dopo essere stato dimesso. Venti avvisi di garanzia

Muore dopo essere stato dimesso. Venti avvisi di garanzia

TRAPANI

Marsala. Venti avvisi di garanzia, per omicidio colposo, sono stati notificati dalla Procura di Marsala ad altrettanti sanitari fra medici e infermieri dell’ospedale “Vittorio Emanuele II” di Castelvetrano.

Il procedimento è nato dalla denuncia presentata dai familiari di un uomo di Campobello di Mazara, in provincia di Trapani, Tommaso Grosso, di 49 anni, morto nella notte tra il 7 e l’8 febbraio, qualche ora dopo essere stato dimesso dal Pronto Soccorso, dove si era recato nel primo pomeriggio del 5 febbraio.

Prima di dimetterlo, i medici dell’area di emergenza gli hanno diagnosticato «addensamenti polmonari bilaterali e una broncostenosi diffusa».

All’ingresso, gli era stato assegnato il “codice giallo”. Si attende, adesso, l’esito dell’autopsia già effettuata da medici dell’Istituto di Medicina Legale di Palermo.

L’avviso di garanzia è stato notificato a medici del Pronto Soccorso, nonché dei reparti di Cardiologia e Medicina interna. In pratica, tutti i sanitari che, in qualche modo, hanno avuto a che fare con il paziente deceduto.

Articoli Consigliati

Top