Ti trovi qui
Home > Cronaca > Messina: sindaco sfiduciato, stasera si decide tutto

Messina: sindaco sfiduciato, stasera si decide tutto

MESSINA

E’ il giorno della resa dei conti, il giorno del voto della mozione di sfiducia al sindaco di Messina, Renato Accorinti, nella seduta convocata oggi pomeriggio e che si prevede lunga e movimentata.
Un clima surreale aleggia a Palazzo Zanca già dall’inizio della settimana e nessuno mette la mano sul fuoco che l’Amministrazione “dal basso” torni matematicamente a casa.
Su un totale di 40 consiglieri – e non è detto che in Aula ci sia l’en plein, forse visto solo il giorno dell’insediamento -, in ogni caso bastano 27 voti che sulla carta potrebbe esserci.

Compatti appaino, infatti, buona parte dei gruppi consiliari, a partire da Ncd e Centristi per la Sicilia – primi firmatari del documento di sfiducia -, ma anche Pd e Pdr, nonostante i tentennamenti di alcuni singoli consiglieri.
Ago della bilancia potrebbe essere Forza Italia, sebbene – nonostante la mancanza di indicazioni da Francantonio Genovese, che ha spostato nel partito di Berlusconi se stesso e i suoi dopo la defenestrazione dal Pd – vi è la strenua affermazione del si da parte della presidente del Consiglio Comunale, Emilia Barrile, la cui firma ha dato l’accelerata per la corsa finale alla votazione odierna.
Vi è pure chi, nonostante l’aver sottoscritto il documento, lo ritiene superato in alcuni punti, primo fra tutti l’approvazione dei bilanci, che è avvenuta. Per non parlare poi della contestazione sulle partecipate: solo qualche giorno fa è stata varata la nuova Messina Servizi Bene Comune per la raccolta dei rifiuti, sostituendo MessinaAmbiente a rischio fallimento.

I sostenitori di Accorinti e della sua Giunta stamani hanno fatto la conta delle firme della petizione a suo favore, raccolte anche on line e consegnate al gruppo consiliare del movimento che ne aveva promosso la candidatura, Cambiamo Messina dal Basso: in circa 3mila e 500 si sono espressi affinché il primo cittadino rimanga.

Intanto si resta col fiato sospeso, in attesa del pronunciamento del Consiglio.

15 febbraio 2017

 

Articoli Consigliati

Top