Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Catania, Rigoli: «In testa solo l’Akragas, altro che complimenti post Matera… »

Catania, Rigoli: «In testa solo l’Akragas, altro che complimenti post Matera… »

CATANIA

Sono 21 i convocati di Pino Rigoli per il match di domani all’Esseneto. Ancora out Baldanzeddu e Di Cecco. Problemi al ginocchio per il primo, alla caviglia per il secondo. Per il resto, tutti disponibili i “big” della squadra. Oggi l’allenatore rossazzurro ha fatto il punto prima del match di Agrigento

«Noi non vogliamo regalare niente neppure in trasferta. Sappiamo che fuori casa dobbiamo fare molto meglio. Nell’ultimo periodo però siamo più propositivi anche perché abbiamo preso consapevolezza dei nostri mezzi. Domani abbiamo l’obbligo di far bene».

«Preparare una partita come quella col Matera è più facile, perché le motivazioni arrivano da sole. Troveremo una squadra che lotta, dunque dovremo essere capaci di affrontare la partita con i giusti stimoli. Sul piano del palleggio mi aspetto di più, abbiamo le qualità per fare meglio e per muovere la palla con serenità. Col Matera qualche volta l’abbiamo fatto».

«Emozione? Nutro grande rispetto per il pubblico akragantino. Ottimi rapporti, emozioni, ho un bel ricordo, ma siamo professionisti. Adesso sono al Catania e penso solo al Catania, men che meno alle possibile problematiche in casa akragantina. So che affrontando il Catania saranno motivatissimi».

Per noi domani è una finale, non penso alle prossime partite. Ci teniamo tantissimo a scalare la classifica, ma non facciamo tabelle. Siamo tutti compatti per affrontare il derby nel migliore dei modi, poi penseremo al resto».

«I complimenti dopo il Matera? mi fanno piacere, ma i protagonisti principali sono squadra e società e cerco di fare meno danno possibile (sorride, ndr). E’ la crescita di tanti giocatori che ritengo importante: Drausio, Djordjevic e Di Grazia. Io vorrei sottolineare questo più che i risultati».

«Secondo me il futuro di Di Grazia, il suo futuro sarà da mezzala, ma ancora vogliamo che cresca gradualmente. Martedì ha fatto un gran lavoro. Può giocare dappertutto, ma non bisogna snaturare le sue caratteristiche».

«I tifosi sono stati eccezionali. Il nostro obiettivo è continuare a far aumentare l’entusiasmo».

 

Articoli Consigliati

Top