Ti trovi qui
Home > Apertura > Ragusa, in manette un pedofilo seriale

Ragusa, in manette un pedofilo seriale

RAGUSA

Tentava l’approccio offrendo loro un passaggio sul motorino e qualche ricarica telefonica. Poi li portava in luoghi appartati per violentarli. Era questo il modus operandi del pedofilo seriale arrestato dalLa polizia di Ragusa nel corso dell’operazione “Scooter”. L’uomo lavorava nella villa comunale della città come custode e proprio lì, secondo le drammatiche testimonianze delle vittime, sarebbe stata consumata la violenza.

L’operazione è partita dalla denuncia di una delle vittime, un ragazzino di 15 anni che era andato a fare una passeggiata all’interno della villa insieme al suo cane e che incontrando l’uomo aveva ricevuto esplicite avance sessuali. Così sono iniziate le indagini coordinate dalla Procura di Ragusa e di Catania, con la raccolta di intercettazioni telefoniche dalle quali è emerso con certezza che l’uomo aveva praticato violenza sessuale nei confronti di almeno 6 bambini, tutti di sesso maschile, alcuni dei quali persino suoi parenti.

Le giovanissime vittime sono state ascoltate dagli agenti, descrivendo nei minimi dettagli le aggressioni. Dichiarazioni rese non molto facilmente, tra i singhiozzi e le lacrime. Per questi bambini ancora molto piccoli, alcuni anche al di sotto dei 10 anni di età, l’incubo è finito anche se il dolore non andrà mai via. L’uomo adesso si trova in carcere, sotto custodia cautelare nella sezione specializzata, in attesa di giudizio.

3 febbraio 2017

Articoli Consigliati

Top