Ti trovi qui
Home > Cronaca > Agrigento: scoppia la fognatura e i liquami finiscono in mare

Agrigento: scoppia la fognatura e i liquami finiscono in mare

AGRIGENTO

L’ostruzione di un pozzetto della fognatura di via degli Imperatori – arteria del quartiere satellite di Villaggio Mosè – ha causato lo sversamento dei reflui fognari provocando l’inquinamento del Vallone “Le Dune” e del tratto di mare circostante.
Un danno di lieve entità, dunque, si è trasformato in un vero e proprio caso. Protagonisti della vicenda sono l’Ente Gestore del servizio idrico, Girgenti Acque, e il Comune di Agrigento. Quest’ultimo, tramite una nota ufficiale, ha annunciato la presentazione di un esposto per verificare se quanto avvenuto – cioè un ritardo nella segnalazione del guasto da parte di Girgenti Acque di 12 ore – corrisponda al vero.

«Restiamo basiti di fronte alla nota del gestore Girgenti Acque che evidenzia il gravissimo ritardo con il quale veniva segnalato agli organi preposti all’intervento la segnalazione del guasto avvenuto nel pomeriggio di ieri presso via degli Imperatori. Appare evidente che, qualora ciò rispondesse al vero, la segnalazione è stata inoltrata con ben 12 h di ritardo. Questa circostanza costituisce la vera ragione per la quale un danno potenzialmente insignificante ha prodotto l’inquinamento del vallone delle Dune e del tratto di mare circostante. Un tempestivo intervento di G.A. avrebbe certamente evitato ogni conseguenza. Per questa ragione provvederemo a presentare un esposto al fine di verificare le eventuali responsabilità per quanto accaduto».

«Nessuno ci ha avvertito – dicono da Girgenti Acque – . Nessuno lo ha fatto per tempo. Il danno avrebbe potuto essere irrisorio ed invece è diventato indicibile. Basta semplicemente segnalare. Saremmo intervenuti immediatamente. Si è ostruito un pozzetto, sarebbe bastato liberarlo».

L’Ente gestore del servizio idrico, adesso, dovrà effettuare la bonifica dell’intera zona colpita come prevede la legge. Una bonifica che prevede perfino la scarificazione dell’asfalto che dovrà essere trattato come rifiuto speciale.

3 febbraio 2017

Articoli Consigliati

Top