Ti trovi qui
Home > Apertura > Siamo belli e ci tirano le pietre, anche le Iene

Siamo belli e ci tirano le pietre, anche le Iene

Ci piacciono le iene perché sono divertenti. Ridono, ma sono più portate a far ridere. Ne apprezziamo una in particolare, la “iena digitale” che, ansiosa, picchia frenetica sulla tastiera per illuminarci sulle nuove frontiere accademiche di economia e management. Siamo davvero lusingati del suo interesse nei nostri confronti e ringraziamo sentitamente. Anzi, ci esponiamo spudoratamente: la amiamo e la vogliamo nel nostro gruppo alla guida del settore contabilità e finanza.

Cara iena, secondo lei spendiamo un milione di euro per fare una televisione, che deve tornarci utile per sostenere un candidato sindaco che vinca le elezioni di Nicolosi? E comunque sui conti dobbiamo aggiornarci perché i suoi non tornano.

Si, perché con quello che abbiamo investito per dare vita a Ultima TV, facendo semplicemente qualche conticino con le dita, avremmo potuto sostenere la campagna elettorale per la nostra candidatura alla Camera dei Deputati. Acquistando, in alternativa, spazi redazionali su tutti i media in quantità industriale.

Però noi la ringraziamo ugualmente per questa illuminazione di carattere economico – politico divinatorio. E ci dispiace davvero non conoscere la Sua identità (uomo o donna che sia) perché è fortemente viva la nostra speranza di affidarle il ruolo di general manager nel gruppo Russo – Morosoli. Anche per conoscere i dati di cui lei è in possesso sul gradimento del pubblico nei confronti della nostra programmazione.

Ma ci dica, lei come fa a conoscerli? Siamo nati poco più di due mesi fa e il nostro share  è già verificabile? E noi non ne sappiamo niente? Iena, cara iena, le valutazioni dei bilanci aziendali hanno sempre scadenza annuale. Non lo sa? E poi, non le balena in mente il fatto che possiamo ambire ad un graduale posizionamento che ci porti, in futuro, ad essere validamente presenti con una tv anche sul web? Stiamo pensando anche alla web radio,  ma questo lo sussurriamo solo a lei…

Quanto ad Elisabetta Gregoraci, nostra testimonial della serata di apertura, donna di spettacolo certamente contemporanea, sapesse quanto ne abbiamo apprezzato le physique du role. Che vuole farci, a noi piacciono le belle donne. E siamo contenti di aver dato l’opportunità ad altri artisti, nel corso del Gran Galà, di promuovere le loro produzioni, seppur mandate in onda da altre emittenti. Per noi è una “genialata” perché è un piacere. E perché detestiamo la censura e sosteniamo il pluralismo. Al contrario di altri. Ci piace tanto l’idea di favorire gli artisti perché possano vivere serenamente del loro lavoro, ci piace proprio contribuire ad estendere l’indotto.

E proprio per questo, nel nostro gruppo vogliamo anche Iene Sicule! Non c’è alcun problema, c’è tanto spazio nella sede della nostra Tv. Non a caso ospitiamo anche la concessionaria (e non il contrario, qui si sbaglia).

Cara iena, non è nel suo stile puntare il dito verso un imprenditore che oggi sta investendo a Catania. Leggendola spesso, sappiamo bene che lei auspica vivamente che la città sia sostenuta da imprenditori che abbiano idee e coraggio (e ci mettano i soldi). Quel tono cupo e denigratorio non le si addice.

Venga con noi, sarà il nostro uomo nuovo. Però noi guardiamo al futuro, lei? Se non dovesse leggere il nostro pezzo, saremo ben lieti di recapitarlo al suo direttore.

Articoli Consigliati

Top