Ti trovi qui
Home > Apertura > Festa di Sant’Agata, tra storia di Catania e mostre fotografiche

Festa di Sant’Agata, tra storia di Catania e mostre fotografiche

CATANIA

La festa di Sant’Agata si celebra anche attraverso la cultura. È il filo conduttore del ricco palinsesto di appuntamenti, che fa capo alla Patrona di Catania, presentato oggi a Palazzo degli Elefanti. Tante le novità, a cominciare dal programma “Passeggiare nella Storia”, un percorso di eventi guidati concentrato tra le stradine del centro storico. «Alla tradizionale serata dedicata all’apertura dei musei – spiega l’assessore Orazio Licandro –  si aggiunge un percorso di 5 itinerari tematici di natura storico culturale. In collaborazione con operatori e guide turistiche, abbiamo studiato una serie di incontri a tema che raccontano la storia della città. Catania ha una stratificazione millenaria, fatta di vestigia e beni culturali tramandati dalle diverse epoche storiche. Ispirandoci allo slogan Catania di notte, dalle 19.00 in poi sarà possibile rievocare pagine della nostra storia attraverso la visita alla Cripta di Sant’Euplio, alle Terme Achilliane di Piazza Duomo o all’Anfiteatro Romano. All’interno di quest’ultimo, ad esempio, sarà possibile assistere alla proiezione del docu-film La città nascosta: l’anfiteatro romano di Catania. Abbiamo voluto arricchire l’evento dedicato all’apertura straordinaria dei musei, lasciandoci cullare dal fascino del nostro passato».

Un altro momento inedito è la rappresentazione dell’opera Diva Agatha, lavoro curato dal Teatro Vincenzo Bellini sulle musiche del maestro Matteo Musumeci. Protagonisti del concerto di Sant’Agata, il mezzosoprano Josè Maria Lo Monaco, il direttore d’orchestra Ross Craigmile e il musicista folk Alfio Antico. Lo spettacolo, in programma il 2 febbraio, testimonia l’associazione della figura di un grande catanese come Bellini alla patrona di Catania. «L’opera è stata commissionata dal nostro teatro ad un compositore di fama internazionale – commenta il sovrintendente Roberto Grossi – È una cantata che raccoglie il mistero di questa donna e ne mette in risalto il coraggio e la capacità di andare controcorrente per un valore e un principio».

In agenda anche la mostra fotografica Cuori intatti, in programma dall’1 al 12 febbraio al Museo Diocesano. I ritratti di Fabrizio Villa racconteranno dell’esperienza di tutte quelle donne che combattono contro il tumore al seno. Un appuntamento patrocinato dal comitato di catania dell’Andos (Associazione nazionale donne operate al seno).

Presenti alla conferenza stampa, tra gli altri, l’assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo, il vice – presidente di Confcommercio Catania, Giovanni Saguto, e il presidente onorario di Confesercenti, Enza Lombardo.

27 gennaio 2017

Articoli Consigliati

Top