Ti trovi qui
Home > Apertura > Caso “Firme false”, coinvolto anche Ugo Forello

Caso “Firme false”, coinvolto anche Ugo Forello

Da Roma a Palermo, da Virginia Raggi a Ugo Forello. Si allunga la lista dei 5 Stelle coinvolti in inchieste giudiziarie, un itinerario che disorienta attivisti e simpatizzanti del movimento oggi preoccupati di aver puntato tutto su un soggetto politico che non riesce a restare fuori dalle aule di tribunale.

A Palermo, l’inchiesta sulle firme false dà il via a un’indagine sull’avvocato Ugo Forello, candidato sindaco del Movimento e storica figura di Addiopizzo. Il coinvolgimento scaturirebbe dalla denuncia di alcuni portavoce penta-stellati alla Camera, secondo i quali il legale avrebbe “orientato” le dichiarazioni di Claudia La Rocca, la super testimone dell’inchiesta sulle firme false. Accuse che Forello ha sempre contestato, ma il giudice delle indagini preliminari ha già fissato l’udienza per approfondire sulla vicenda. L’ipotesi di reato sarebbe induzione a rendere dichiarazioni mendaci.

Il caso giudiziario rende frizzante la campagna elettorale a Palermo, che rispetto a Roma deve ancora vivere la possibile esperienza di governo dei 5 stelle. Virginia Raggi ha da poco ricevuto un avviso di comparizione relativo alla promozione del fratello del suo ex braccio destro Raffaele Marra. L’accusa è abuso d’ufficio e falso in atto pubblico e il rischio immediato è il processo per direttissima. Il sindaco della capitale si dice «serena e fiduciosa», ma per il Movimento questa è una notizia devastante.

25 gennaio 2017

Articoli Consigliati

Top