Ti trovi qui
Home > Apertura > Agricoltura in ginocchio, oggi tavolo tecnico: «Lo Stato non stanzia fondi per coprire i danni»

Agricoltura in ginocchio, oggi tavolo tecnico: «Lo Stato non stanzia fondi per coprire i danni»

CATANIA

Il maltempo si allontana dalla Sicilia ma i danni rimangono. Giorni di pioggia incessante che hanno prodotto un risultato davvero terribile: agricoltura danneggiata per diversi milioni di euro. Proprio per discutere dell’emergenza, è stato convocato un tavolo tecnico al dipartimento regionale Agricoltura per verificare l’entità del danno.

La pioggia ha distrutto raccolti e strutture. Da anni ormai, lo Stato ha tagliato i fondi per il sostegno e ha demandato alle assicurazioni private, l’eventuale risarcimento del danno. Non va molto meglio neanche i produttori che sono coperti da assicurazione, che devono affrontare un iter burocratico difficilissimo, in questo senso l’aiuto che si chiede alle Istituzioni è una maggiore facilità negli adempimenti normativi.

«Oggi abbiamo tenuto questo incontro con le associazioni di categoria e con i tecnici proprio per fare il punto della situazione tramite gli accertamenti che da giorni stiamo effettuando sul territorio – afferma Giovanni Sutera, direttore del dipartimento regionale Agricoltura – Effettivamente qualche danno c’è, sia nella zona a valle del Catanese, sia nella zona a monte. Certamente abbiamo dei vincoli non indifferenti che sono le norme, che non ci consentono di compensare i danni subiti perchè laddove le strutture e le culture sono assicurabili noi non possiamo intervenire».

I maggiori danni si sono riscontrati nella Piana di Catania, ma anche a Nord, nella zona di Randazzo, Bronte e Maniace. Un impatto gravissimo che si ripercuote anche sul reddito e sulla possibilità di avere disponibilità economiche immediate da investire per l’anno successivo. «Oltre al danno la beffa – dichiara Giuseppe Di Silvestro, presidente Cia Catania – visto che da qualche anno lo Stato non mette a disposizione fondi per coprire i danni. Questo è un duplice danno: sia dal punto di vista economico per le aziende, che per la società, perchè non solo manca il reddito ma manca soprattutto il capitale da investire per la produzione del prossimo anno. I danni sulla provincia di Catania non sono ancora stati quantificati».

APPROFONDIMENTO NEL TG

25 gennaio 2017

 

Articoli Consigliati

Top