Ti trovi qui
Home > Spettacolo > Candelore e spettacoli pirotecnici per la festa di Sant’Agata

Candelore e spettacoli pirotecnici per la festa di Sant’Agata

CATANIA

Sarebbe dovuto essere il weekend dell’apertura ufficiale delle festività agatine, con l’uscita di buona parte di candelore.

Ma le difficili condizioni metereologiche non hanno permesso il regolare svolgimento delle attese manifestazioni.
L’allerta meteo, caratterizzata da pioggia battente avrebbe creato non pochi disagi durante il percorso in termini di sicurezza, reso impervio sia per i portatori, sia per tutti coloro che avrebbero avuto il piacere di condividere i tanti momenti di festa.

Tutto rimandato, nelle prossime giornate perché a quanto pare il tempo sarà clemente.
Ma nello scorso fine settimana gli addetti e i portatori delle candelore si sono riuniti nelle varie chiese per definire le parti tecniche. E’ questo infatti un momento assai sentito da tutti coloro che ruotano attorno a questi monumentali Cerei di vario stile che spaziano dal barocco, al gotico, allo stile liberty, prendendosi cura di ogni minimo particolare per di rendere la Candelora ancora più bella.

FESTA Sant'Agata-UltimaTv

Inoltre in queste ore si sta stilando quello che sarà il programma dedicato ai momenti degli spettacoli pirotecnici. Come ormai accade da oltre 25 anni, verrà affidato alla storica famiglia Vaccalluzzo, che oltre all’aspetto professionale vive questo incarico in modo intenso e devozionale. Unico dubbio da sciogliere è quello del budget stanziato e quali saranno i momenti in cui eseguire gli spettacoli pirotecnici, mantenendo si spera i momenti più salienti come “sera 3” uscita della santa di “giorno 5” e l’imperdibile “Borgo”. Tante le proposte che avanzerebbero un’alternativa sull’impiego dei fondi stanziati per i fuochi, come ad esempio la proposta di devolvere il tutto alle popolazioni colpite da calamità nel centro Italia.

«Ma questa è solo un’ipotesi…».

Tutto da definire quindi al fine di mantenere in vita una tradizione che affonda le sue radici a 1000 anni fa, così come raccontano immagini e libri storici che testimoniano come la festa viene da sempre accompagnata dai tradizionali “Bummi di Sant’ Aita“.

di Dario Testa

SERVIZIO DEL TG
23 gennaio 2017

Articoli Consigliati

Top