Ti trovi qui
Home > Cronaca > La festa di S. Agata, Bianco: «Ho proposto di riaprire, dopo le festività, il sacello»

La festa di S. Agata, Bianco: «Ho proposto di riaprire, dopo le festività, il sacello»

CATANIA

È la terza festa la mondo più seguita. Si parla di oltre 1 milione e mezzo di visitatori, tra devoti e non. Sant’Agata è per Catania un motore trainante del turismo e non solo religioso. È la terza forza economica della città, come ha spiegato in esclusiva ai microfoni di UltimaTV, il sindaco di Catania, Enzo Bianco.
Quest’anno i festeggiamenti si sono ulteriormente arricchiti di grandi novità, come l’apertura del sacello. Un passo importante per i devoti che hanno atteso anche oltre due ore per vedere quella che comunemente viene detta “a cammaredda”. «Una fila estremamente composta e ordinata. File così – ha detto il sindaco Bianco – le ho viste solo in città altamente civilizzate come Stoccolma e Copenaghen».

«Un’esperienza che non ha potuto soddisfare tutti i catanesi nonostante il protrarsi dell’orario di apertura, e per questa ragione – ha detto Bianco – ho proposto all’Arcidiocesi, la possibilità di riaprire, dopo le festività, il sacello e dare quindi l’opportunità ai tanti fedeli che non hanno potuto vederlo».
Con grande orgoglio il sindaco racconta della forte emozione che prova la mattina del 4 febbraio quando apre ai devoti la cattedrale e la richiude poi, nelle prime ore del 6 febbraio.

Una festa, appunto la terza al mondo per proseliti, fedeli, visitatori, appassionati e turisti, che muove un’economia fondamentale per Catania. La terza, dopo la cultura e la natura – «Catania è seduta sull’Etna – ha detto Bianco» – che un sindaco non può sottovalutare.

È in corso la trattativa con l’ambasciatore italiano in Spagna, per creare un gemellaggio tra la festa di S. Agata e la Settimana Santa di Siviglia.

La settimana prossima a Bruxelles, il sindaco incontrerà l’ambasciatore.

Insomma tutti i presupposti per far crescere ancora di più la Festa di Sant’Agata che, nell’immaginario collettivo è la festa siciliana per eccellenza. Inevitabile recitare: Devoti tutti, cittadini, cittadini, cittadini.

APPROFONDIMENTO NEL TG, segui il nostro hashtag #santagatacanale87

19 gennaio 2017

Articoli Consigliati

Top