Ti trovi qui
Home > Apertura > Maltempo: esercito ancora a Troina. Scuole riaperte a Valledolmo

Maltempo: esercito ancora a Troina. Scuole riaperte a Valledolmo

In Sicilia si torna lentamente alla normalità, dopo l’ondata di gelo che ha paralizzato l’isola. Da ore, ormai, le temperature sono in risalita e la colonnina di mercurio è ben lontana dalle minime di  pochi giorni fa.  Intanto in decine di comuni isolani si lavora per liberare le strade e riaprire le scuole. A Troina, nell’ennese, dove sabato scorso, il sindaco aveva chiesto l’intervento dell’esercito, da ieri sono arrivati i militari per fronteggiare l’emergenza viabilità.
I 10 militari del Genio Militare, coadiuvati da 2 fuori strada, 2 bob cat cingolati, 1 ruspa e 2 camion con articolato, sono rimasti in azione tutta la notte, nonostante il buio e il gelo per cercare di rimuovere quanta più neve possibile dal centro storico, dalle vie principali della città e dalla strada di accesso alla “Cittadella dell’Oasi”.
Dal Comune fanno sapere che “I cumuli di neve rimossa verranno caricati sui camion dell’esercito e portati fuori dalla città per non ostruire ulteriormente la già precaria circolazione urbana ed extraurbana, mentre attualmente, con un bob cat si sta cercando di aprire un varco in via Napoli Bracconeri e zone limitrofe, per consentire l’accesso al quartiere Scalforio, dove le strette viuzze non consentono né l’arrivo di mezzi, né tantomeno di poter spalare la neve a mano. I vigili del fuoco, che hanno messo a disposizione un elicottero e un gatto delle nevi, anche oggi si occuperanno di prestare soccorso alle aziende agricole isolate e al bestiame, consegnando viveri e foraggi e scongiurando la morte di numerosi ovini e bovini. Protezione Civile sempre operativa in città e nel centro storico per portare a domicilio farmaci e beni di prima necessità agli anziani, ai malati e ai disabili, mezzi spalaneve e spargisale in giro per l’abitato e non solo, mentre un nucleo di operai comunali sta cercando di riparare i guasti a diverse utenze idriche private, rimaste a secco a causa delle tubature ghiacciate”.
«Purtroppo l’ermergenza non è ancora superata – spiega il sindaco di Troina, Fabio Venezia – e permangono ancora numerose difficoltà. Continuiamo a fare tutto il possibile, ma ancora c’è e ci sarà per i prossimi giorni  tanto lavoro da fare». Da domani dovrebbe tornare attivo il servizio di raccolta dei rifiuti urbani.
A Valledolmo, nel palermitano, intanto, dopo giorni di isolamento, da qualche ora le strade sono riaperte: «Siamo riusciti a liberare le strade – ha detto il sindaco del comune, Luigi Favari -. Liberata la Strada Intercomunale 13 per lo svincolo di Tremonzelli per le Madonie. Abbiamo lavorato con mezzi comunali e dell’ex provincia. Così come ieri sera abbiamo liberato anche la Strada Statale 189 per Agrigento e Palermo. Oggi le scuole sono rimaste chiuse ma da domattina aule riaperte. «Abbiamo risolto anche i problemi legati al riscaldamento e da domani riprenderanno le lezioni».
Dopo le abbondanti nevicate che non hanno risparmiato certo la Sicilia occidentale, i carabinieri della compagnia di Petralia Sottana, nel palermitano, sono stati impegnati in operazioni di soccorso a cittadini e automobilisti rimasti in difficoltà a causa dello spesso manto nevoso che ha ricoperto le strade del territorio.
“I militari, a bordo dei loro fuoristrada, hanno raggiunto le località più isolate, garantendo la viabilità sulle arterie stradali principali e su quelle ritenute più a rischio di isolamento. Numerose sono state le chiamate al 112 giunte giunte alla centrale della compagnia di Petralia Sottana. Gli interventi registrati in modo più ricorrente hanno riguardato l’assistenza prestata ad automobilisti rimasti in panne nella neve e tra questi, diversi conducenti sono stati aiutati a montare le catene ai pneumatici. Alcuni cittadini sono rimasti bloccati in strada a bordo delle proprie autovetture con le proprie famiglie e bambini in tenera età. Non potendo ricevere nell’immediatezza il supporto necessario dai propri parenti o amici sono stati accompagnati in caserma e rifocillati”. Ad alcuni anziani, impossibilitiati ad uscire di casa, sono stati portati generi di prima necessità e medicinali. Sulla Strada Stradale 120 i militari sono intervenuti in soccorso di un ambulanza del 118 che, rimasta bloccata a causa della neve, stava trasportando un paziente in codice “giallo” e doveva raggiungere l’ospedale di Termini Imerese.

LA VIABILITA’: Rimane l’obbligo di catene a bordo su diverse strade siciliane. Sulla A19, tra Dittaino e Scillato. Obbligo di catene a bordo anche sulla Strada Statale 185 che collega Giardini Naxos a Barcellona Pozzo di Gotto, dal km 22 al km 40. Sulla Strada Statale 120, tra Cerami e Troin, obbligo di catene a bordo, su tutte le strade statali montuose. Catene a bordo anche nel tratto stradale tra Alcamo ovest e Fulgatore.

LE PREVISIONI: Da domani la colonnina di mercurio dovrebbe tornare sulle medie stagionali ma è ancora presto per dimenticare il freddo perchè nel fine settimana le temperature potrebbero riabassarsi. Ma nulla a che vedere con il freddo record dei giorni scorsi.
Secondo gli esperti da sabato potrebbe registrarsi un lieve peggioramento con 2, al massimo 3 gradi in meno rispetto alle temperature di venerdì ma il fresso dovrebbe caratterizzare anche la prossima settimana.

11 gennaio 2017

Articoli Consigliati

Top