Ti trovi qui
Home > Apertura > Maltempo: Confagricoltura, Sicilia chiede interventi immediati

Maltempo: Confagricoltura, Sicilia chiede interventi immediati

Con l’arrivo della nuova ondata di gelo prevista per i prossimi giorni crescono le preoccupazioni degli agricoltori siciliani ancora alle prese con la conta dei danni provocati dalle abbondanti precipitazioni nevose dei giorni scorsi.

«Il quadro sembra essere già abbastanza pesante – sottolinea il presidente della Confagricoltura siciliana, Ettore Pottino – ed ancora di più grave se pensiamo che la fase emergenziale non risulta cessata poiché sono ancora numerosi i centri dei Nebrodi e delle Madonie rimasti isolati. In queste aree e’ la zootecnia che rischia di subire un colpo mortale a causa delle difficoltà nell’approvvigionamento del foraggio che comincia a scarseggiare. Così come avvenuto in precedenza per un’analoga situazione – ricorda Pottino – sarebbe necessaria oltre alla dichiarazione dello stato di calamità finalizzata al ristoro dei danni strutturali, un’ordinanza della Protezione Civile per la fornitura di foraggio evitando cosi’ agli stessi allevatori di non soggiacere a fenomeni speculativi che potrebbero ulteriormente penalizzarli».

Il presidente della Confagricoltura siciliana torna poi a chiedere agli enti locali la sottoscrizione di accordi, con gli agricoltori muniti di mezzi tecnici idonei, per la manutenzione del territorio e ciò per prevenire le calamità di stagione, incendi in estate e blocchi stradali a causa di temporali e neve in inverno.

Infine il presidente Pottino propone alla giunta di governo regionale un atto concreto ed immediato ovverosia quello di anticipare tutte le spettanze riguardanti i contributi comunitari agli allevatori ed agricoltori delle aree maggiormente colpite dalle recenti avversità atmosferiche. «Queste risorse, rimaste congelate a causa della lentezza della giustizia amministrativa, servirebbero a dare una iniezione di liquidità in questo momento di particolare difficoltà per le aziende chiamate ad affrontare la ripresa produttiva», conclude.

Articoli Consigliati

Top