Ti trovi qui
Home > Calcio > Calciomercato: dal Palermo alla Lega Pro, ecco cosa serve alle siciliane

Calciomercato: dal Palermo alla Lega Pro, ecco cosa serve alle siciliane

Il calciomercato sta per aprire ufficialmente i battenti. Il mese di gennaio come di consueto sarà dedicato alla compravendita dei giocatori e per le siciliane sarà l’occasione per completare gli organici in vista della seconda parte di stagione.

In serie A il Palermo attende con ansia l’arrivo del mercato. I rosanero sono terzultimi e devono necessariamente rinforzare la rosa per poter puntare ad una non semplice salvezza. Il tecnico Corini vorrebbe una rivoluzione o quasi. Servono un paio di pedine d’esperienza che possano dare una mano ai più giovani, magari un portiere, un difensore, due centrocampisti e un attaccante. Di sicuro non partirà la sorpresa di quest’inizio di stagione Nestorovski così come Gonzalez ma per portare la barca in salvo servirà molto altro.

Non va meglio in casa Trapani in serie B. I granata ultimi in classifica arrivano dall’esonero di Cosmi e la stagione sembra di quelle storte. Salvezza al momento a -9 ed impresa ancora possibile. Calori ha chiesto un paio di rinforzi certi soprattutto in attacco dove potrebbe anche essere sacrificato il gioiello Petkovic. Troppi i 31 gol presi, dunque servirà anche registrare la fase difensiva.

In Lega Pro il Catania va a caccia di un buon posizionamento nei playoff. Annunciato l’arrivo di un attaccante che possa finalizzare il lavoro della squadra e magari andare in doppia cifra. I nomi caldi restano quelli di Pozzebon, Di Piazza e Perez. Probabili anche un difensore ed un centrocampista con Marchese e Lodi che potrebbero tornare al Massimino.

Meno attivo il Siracusa. Dopo l’addio di Baiocco, gli aretusei non hanno grandi necessità anche se la possibilità dei playoff potrebbe ingolosire la dirigenza azzurra.

Da capire il mercato di Messina ed Akragas squadre attanagliate da problemi societari. I giallorossi dovrebbero cedere il loro pezzo pregiato Pozzebon mentre ad Agrigento il futuro rimane un rebus.

 

29 dicembre 2016

Articoli Consigliati

Top