Ti trovi qui
Home > Cronaca > Ordine di arresto per duplice omicidio volontario per Giusy Savatta

Ordine di arresto per duplice omicidio volontario per Giusy Savatta

CALTANISSETTA

Gela. Giusy Savatta è lucida. Sembra avere riacquistato consapevolezza. Nel reparto di psichiatria dell’ospedale Vittorio Emanuele di Gela, dove è ricoverata, le è stato notificato dai carabinieri l’ordine di arresto per duplice omicidio volontario delle sue due bambine Gaia e Maria Sofia di 7 e 9 anni, aggravato dalla discendenza. «Nessuna rimozione degli eventi come capita spesso in questi casi – dicono gli inquirenti – la signora sa perfettamente quello che ha fatto». Non è stata ancora interrogata, ma ha alternato continue richieste di essere uccisa alla inspiegabile frase: “Dovevo salvare loro e salvare me”. Una frase – spiegano gli inquirenti – probabilmente legata ad una mal interpretata ed esasperata fede religiosa alla quale, negli ultimi tempi, parallelamente alla sua crisi familiare, la donna si era appigliata.

Dalle indagini, coordinate dal procuratore Fernando Asaro e condotte dai carabinieri, emerge che la donna, insegnante di sostegno alla “Ettore Romagnoli”, era sempre precisa. Una famiglia perbene ma sembra che aualche alterco ci fosse perché il marito Vincenzo Trainito, insisteva affinché la donna, colpita dalla scomparsa del padre suicidatosi nel 2008, consultasse il medico. Poi la tragedia, esplosa nel peggiore dei modi.

Nel pomeriggio il conferimento dell’incarico per l’autopsia sui corpi delle bambine che verrà eseguita subito dopo nel cimitero di Gela.

 

Articoli Consigliati

Top