Ti trovi qui
Home > Cronaca > “Buona scuola”, Flc Cgil: «Un’idea di scuola lontana dalla realtà»

“Buona scuola”, Flc Cgil: «Un’idea di scuola lontana dalla realtà»

CATANIA

 «La batosta referendaria seppur non ha prodotto quell’auspicato rinnovamento nella squadra di Governo, ha portato alla sostituzione del Ministro Giannini, che è chiaro segnale dell’impatto che le proteste del mondo della scuola e della lotta incessante a tutti i livelli sindacali hanno avuto sulle scelte dell’esecutivo». Lo dichiara il segretario generale della Flc Cgil Catania, Antonella Distefano.

«Anche a Catania, dove i “no” al referendum sono stati oltre il 75%, la Flc non ha cessato un attimo nella lotta contro una legge di riforma mai tanto iniqua, confusionaria, scollata dalla dura realtà della vita quotidiana di ogni scuola e di ogni lavoratore della scuola: dai docenti, dal personale Ata, dagli stessi dirigenti scolastici».

«Scuole che cadono a pezzi per la mancanza di manutenzione in grave pregiudizio per la sicurezza, classi stracolme e organici insufficienti nonostante l’invenzione dell’organico di potenziamento che ha creato nuovo caos e che, il più delle volte e soprattutto nelle scuole di base, è stato riassorbito per mancanza di personale».

«La Flc Catania chiede discontinuità al nuovo ministro a capo del Miur, Valeria Fedeli – sottolinea Distefano – discontinuità e rivalutazione dell’importanza di relazioni sindacali come parti sociali di un tavolo legittimato dalle richieste delle lavoratrici e dei lavoratori. Cogliamo l’occasione per fare i migliori in bocca al lupo al neo segretario nazionale della Flc Francesco Sinopoli, proveniente dal mondo dell’Università e della Ricerca, candidatura da noi fortemente sostenuta. Chiediamo al nuovo segretario e al nuovo gruppo di segreteria grande attenzione e coinvolgimento dei lavoratori. Siamo certi che ciò avverrà e che presto si avvieranno le assemblee consultive per la piattaforma contrattuale».

 

Articoli Consigliati

Top