Ti trovi qui
Home > Apertura > Operazione “Come back soon”, assenteismo: 11 sospensioni al comune di Palma di Montechiaro

Operazione “Come back soon”, assenteismo: 11 sospensioni al comune di Palma di Montechiaro

AGRIGENTO

Palma di Montechiaro. Operazione “Come back soon” condotta dai carabinieri della stazione di Palma di Montechiaro contro il fenomeno dell’assenteismo all’interno del comune. 11 le sospensioni dai pubblici uffici, 14 i rinvii a giudizio (3 capo ufficio) e 2 posizioni stralciate (lavoratori socialmente utili). Le assenze duravano dai 5 minuti anche a buchi di ore (chi andava in chiesa,chi in gioielleria, chi addirittura partecipava a convegni di legalità.

Il provvedimento, emesso su richiesta del pubblico ministero Alessandra Russo, titolare dell’inchiesta “Torno subito”, e’ stato notificato a distanza di alcuni giorni dagli interrogatori degli indagati, obbligatori per legge. Altri quattordici dipendenti comunali sono stati raggiunti da un’informazione di garanzia.

C’era chi andava a spasso, con l’auto comunale, per le vie del Paese; chi, invece, una volta timbrato il cartellino si recava in gioielleria per acquistare preziosi, chi al Panificio, al supermercato o ai funerali. C’è pure chi, addirittura, si assentava dal lavoro per andare a seguire convegni sulla legalità. E’ quanto emerso dall’operazione “Come Back Soon” – “Torno presto”, condotta dai carabinieri di Palma di Montechiaro su richiesta del pubblico ministero Alessandra Russo. In tutto sono 11 i dipendenti comunali sospesi dalla funziona pubblica, 14 gli avvisi di garanzia di cui tre all’indirizzo di altrettanti capi area del Comune e 2 le posizioni stralciate che riguardano lavoratori socialmente utili con contratti part time. Un malcostume, come spiegato oggi in conferenza stampa dal Procuratore della Repubblica Luigi Patronaggio, che trova terreno fertile in quei territori in cui vi sono lacune sia in ambito organizzativo che del controllo. Per tale ragione, il colonnello Micucci, anche lui presente quest’oggi, ha annunciato che operazioni del genere potrebbero verificarsi anche in altri centri della provincia di Agrigento. In tutto l’attività di indagine è durata, effettivamente, 5 mesi avvalendosi di pedinamenti e intercettazioni.

Articoli Consigliati

Top