Ti trovi qui
Home > Cronaca > Combattere la violenza riscoprendo i “luoghi di memoria”

Combattere la violenza riscoprendo i “luoghi di memoria”

CATANIA

Una donna su tre, nel corso della vita, ha subito abusi fisici e sessuali, soprattutto tra le mura domeniche. Dati inconfutabili quelli diffusi dall’Oms. Contrastare la violenza  maschile contro le donne, ma anche ogni genere di sopruso all’interno della società è l’obiettivo del progetto “Per non sentirmi sola”, coordinato da Ersilia Saverino, consigliere del Comune di Catania e presentato stamani in aula consiliare.

L’attenzione e l’aiuto psicologico sono il primo punto di un lungo percorso che tocca diversi aspetti del rapporto uomo-donna. Di eventi che conducono a episodi di violenza. “Per non sentirmi sola” è il progetto di Ersilia Saverino, consigliere del comune di Catania che intende educare al rispetto per creare un reale cambiamento culturale e costruire una rete contro la violenza.

L’iniziativa presentata nella sala consiliare del Comune di Catania si propone di sviluppare i “luoghi di memoria”, utilizzando manufatti artistici realizzati dagli allievi delle scuole di ogni ordine e grado allo scopo di mantenere vivo il ricordo delle violenze subite quotidianamente dalle donne. Perché violenza non è solo femminicidio. Diventa dunque necessario mettere in campo uno strumento efficace di comunicazione per sensibilizzare il tessuto sociale, coinvolgendo istituzioni pubbliche e private, associazioni e semplici cittadini.

Articoli Consigliati

Top