Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Siracusa-Catania, Lo Monaco: «Andrò al Ministero». Cutrufo: «Non sa perdere»

Siracusa-Catania, Lo Monaco: «Andrò al Ministero». Cutrufo: «Non sa perdere»

Scintille in campo prima del match fra Siracusa e Catania e scintille dopo, nelle dichiarazioni. In seguito ai fatti del pre gara quando alcuni ultras (incredibilmente) presenti in campo hanno avvicinato e sono entrati in contatto con alcuni giocatori del Catania, i rossazzurri non si sono presentati in conferenza stampa. Il direttore generale Lo Monaco ha parlato di fatto inconcepibile e ha fatto intendere che si rivolgerà al Ministero con i video e le foto di ciò che è successo nel pre partita, visto che ha aggiunto «forze dell’ordine e steward erano assenti». Attraverso la pagina facebook del Siracusa gli ha risposto il presidente degli aretusei Gaetano Cutrufo.

«Il 24 settembre ha chiuso in faccia il telefono a un giornalista di Napoli. Il 3 novembre ha dato dell’incompetente al presidente del Napoli. Il 10 novembre ha attaccato il sindacato di polizia di Foggia… Che Pietro Lo Monaco abbia qualche limite quando si tratta di perdere non è una novità».

«Che oggi al centro della sua danza orgiastico-mediatica priva di controllo sia finito il Siracusa mi può solo dispiacere, anche se non ci rovina la festa. Perché basterebbe riferire metà di quello che Lo Monaco ha pronunciato negli spogliatoi, e se sarà necessario sarà fatto, per ristabilire la verità e ricondurre tutto nel campo dello stile che a Lo Monaco non appartiene, evidentemente».

«Verremo a Catania, al ritorno, convinti di trovare una città civile e accogliente e non descritta come ha fatto Lo Monaco al punto che secondo lui dovremmo spaventarci. Ma per spiegare quanto Lo Monaco sia confuso basta la sua definizione sulla partita ‘stradominata’ … comunque, da sportivo auguro tanta fortuna a lui e al Calcio Catania». Nessun accenno però ai fatti avvenuti prima del match.

Articoli Consigliati

Top