Ti trovi qui
Home > Apertura > Il pentito Pipitone rivela altri tre delitti

Il pentito Pipitone rivela altri tre delitti

PALERMO

Sono sei gli omicidi su cui gli inquirenti hanno fatto luce grazie alle rivelazioni del pentito Antonino Pipitone, boss di Carini che da mesi collabora con i pm di Palermo. Pipitone era un uomo di potere, aveva come alleati pezzi grossi di Cosa Nostra. E’ finito in carcere per estorsione, poi è arrivata la condanna all’ergastolo per omicidio. Da qualche tempo ha scelto di “collaborare”, di pentirsi e tramite i suoi racconti si sta facendo luce sui avvenimenti delittuosi che a poco a poco stanno trovando giustizia.

Per due omicidi – l’agguato in cui morirono Antonino Failla e Giuseppe Mazzamuto e il delitto di Francesco Giambanco – la Procura ha la scorsa settimana disposto tre fermi e chiesto e ottenuto l’arresto dello zio del collaboratore di giustizia, Vincenzo Pipitone. Per altri tre delitti i pm Roberto Tartaglia, Annamaria Picozzi e Amelia Luise hanno chiesto al gip la riapertura delle indagini: si tratta degli omicidi del boss Lino Spatola, di Felice Orlando e di Giampiero Tocco, sequestrato davanti alla figlia di 6 anni e poi assassinato.

 

Articoli Consigliati

Top