Ti trovi qui
Home > Cronaca > All’hiv basta un solo momento d’amore: nel mondo un contagio ogni 2 minuti

All’hiv basta un solo momento d’amore: nel mondo un contagio ogni 2 minuti

CATANIA

Prodotto nel 1855 il primo profilattico in gomma, eppure ancora oggi in troppi non ne fanno uso. Non utilizzarlo è una “piccola noncuranza” che segna irrimediabilmente ogni giorno centinaia di vite. Per essere contagiati dal virus dell’immunodeficienza umana, meglio conosciuto come hiv, basta un solo rapporto sessuale.

Oggi, in occasione della “Giornata mondiale contro l’aids”, in moltissime città si accende una candela rossa in memoria delle vittime e di chi, ogni giorno, scopre di essere sieropositivo. Il sesso non è l’unica causa del contagio, ma è di certo la più diffusa; seguono in ordine di incidenza altre due cause: contatto con sangue infetto e discendenza diretta madre-figlio.

Un uomo su 3 non utilizza il profilattico e nemmeno l’80% delle donne che assume la pillola anticoncezionale. Un rapporto dell’Unicef segnala che ogni due minuti un giovane nel mondo si ammala, numero destinato a peggiorare nei prossimi 15 anni con un boom di casi: i contagiati aumenteranno del 60% entro il 2030 e i più esposti al rischio sono di certo gli adolescenti.

Da oggi 1 dicembre, arriva anche in Italia il test per l’autodiagnosi dell’hiv. Sarà possibile comprarlo in farmacia senza ricetta medica ed eseguirlo comodamente a casa. Questo potrebbe aumentare la percentuale delle diagnosi precoci. Infatti, circa il 65% degli adolescenti afferma di aver avuto almeno una volta nella vita un rapporto non protetto con uno sconosciuto, ma solo il 24% di questi si è sottoposto a un test clinico per scoprire se è entrato effettivamente in contatto con il virus. Tra le cause più “gettonate”, sicuramente la timidezza e la “vergogna” (soprattutto nelle adolescenti di sesso femminile) di dichiarare di fronte a un medico di aver avuto rapporti sessuali con uno sconosciuto. A Catania ancora non tutte le farmacie ne sono provviste, ma il test, venduto ai soli maggiorenni, avrebbe un’affidabilità totale: pratico e veloce fornirebbe l’esito in soli 15 minuti, al modico prezzo di 20 euro.

Quattro sieropositivi su dieci nascondono la propria condizione ai familiari, il 5% al partner. L’Italia, il bel Paese simbolo di cultura e tradizione, occupa il secondo posto in Europa per incidenza di aids, subito dopo il Portogallo che detiene la pole-position. L’ignoranza e la sottovalutazione del fenomeno fanno dilagare il virus, anche per l’errata convinzione che l’Occidente sia preparato a proteggersi, e che i contagi avvengano solo nei Paesi sottosviluppati.

Articoli Consigliati

Top