Ti trovi qui
Home > Apertura > Tragedia sulla Sansovino, Crocetta rende omaggio: gettati in mare 3 garofani rossi

Tragedia sulla Sansovino, Crocetta rende omaggio: gettati in mare 3 garofani rossi

MESSINA

Rimangono molto serie le condizioni del 36enne Ferdinando Puccio, operaio di macchina di Terrasini, il più grave dei feriti dell’incidente accaduto ieri sulla nave Sansovino a Messina, per l’inalazione di un gas letale sprigionatosi presso le sentine. L’uomo è in prognosi riservata al reparto di Rianimazione del Piemonte – Irccs Centro Neurolesi. Per i gravi problemi di respirazione, è in ventilazione polmonare meccanica, in attesa di segni di ripresa dagli esami emodinamici e strumentali. Situazione critica per il comandante Salvatore Virzì, affidato alle cure dei sanitari del Policlinico Universitario. In netto miglioramento Nino Lombardo, in osservazione ancora per qualche giorno al Piemonte. Qualche altro lavoratore è stato soccorso anche oggi per lievi malori.

Nel pomeriggio il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, ha voluto rendere omaggio alle vittime, gettando in mare, accanto al traghetto presso il Molo Norimberga, tre garofani rossi, ciascuno per ogni marittimo deceduto: il primo ufficiale Christian Micalizzi di Messina; il secondo ufficiale di coperta, Gaetano D’Ambra di Lipari; l’operaio motorista Santo Parisi di Terrasini.

«E’ doveroso manifestare la vicinanza non solo ai familiari delle vittime ma anche ai compagni di lavoro. Non possiamo accettare che il lavoro serva per morire ma per vivere. Spero che questo sia un monito per migliorare le condizioni all’interno dei cantieri».

Queste le dichiarazioni di Crocetta che alla domanda su cosa può fare la Regione, ha risposto: «Adesso vediamo i singoli casi: la mia preoccupazione è per i familiari. Mi dicono che ce n’è qualcuno giovanissimo e appena sposato. Poi, dobbiamo con sindacati e imprese arrivare ad un protocollo decisivo. Ma andare anche oltre le leggi, per vedere se possiamo darci degli obiettivi molto seri: convocherò organizzazioni sindacali e datoriali per affrontare in modo molto serio il problema».

Crocetta oltre a compiere l’atto simbolico, ha pure incontrato i familiari dei lavoratori deceduti per portare loro la solidarietà del Governo Regionale.

 

Articoli Consigliati

Top