Ti trovi qui
Home > Apertura > Renzi, le Torri Biologiche e il no a Catania…

Renzi, le Torri Biologiche e il no a Catania…

La campagna referendaria è entrata nel rush finale, domenica  prossima 4 dicembre si voterà per confermare o meno la riforma che modifica  47 articoli  della Costituzione; riforma peraltro già approvata dalla Camera. A Catania però qualcuno c’è rimasto male per il dietrofront del premier Matteo Renzi, che proprio venerdì avrebbe dovuto chiudere alle Ciminiere la campagna per il sì. Il cambio di programma non è stato ufficialmente giustificato visto che il premier ha invece confermato che sempre venerdì sarà a Palermo alle 10 del mattino.

Cosa mai sarà successo? L’ipotesi più probabile è che Renzi non sia rimasto soddisfatto in occasione della sua ultima visita a Catania: il 15 novembre scorso infatti fu inviato a inaugurare le torri biologiche al Policlinico universitario, e all’indomani, è arrivata una denuncia della Procura etnea proprio sulle Torri Biologiche; il suo portavoce Sensi  – e non solo lui – si è molto infastidito per la questione post inaugurazione ed è probabile che Catania sia stata scartata proprio per questa ragione. D’altronde al premier i fastidi già non mancano e quindi avrà pensato bene di chiudere in tutta tranquillità la campagna referendaria nella sua Firenze, venerdì sera alle 19.30 in piazza della Signoria, sacrificando Catania e la Sicilia orientale. Una Sicilia in fermento politico come non mai, soprattutto in casa Pd, visto che il sottosegretario Davide Faraone tira la giacca al premier, il governatore Crocetta pure e non ultimo si è aggiunto anche Enzo Bianco, che a sua volta ha riallacciato i rapporti con Luca Sammartino e Valeria Sudano, che nelle ultime settimane hanno manifestato più di un mal di pancia alla Regione Siciliana; Infine sempre più Vicino al premier Renzi, anche il leader di Sicilia Futura, Nicola D’Agostino (molto legato al sottosegretario Luca Lotti), verosimilmente venerdì saranno tutti a Palermo, a  sostenere il premier…

Articoli Consigliati

Top