Ti trovi qui
Home > Apertura > Firme false a Palermo: sospesi Di Vita, Mannino, Nuti e Busalacchi

Firme false a Palermo: sospesi Di Vita, Mannino, Nuti e Busalacchi

Beppe Grillo sospende i deputati coinvolti nello scandalo delle firme false a Palermo. «Il collegio dei probiviri – si legge sul blog di Beppe Grillo – dispone la sospensione cautelare dal movimento 5 stelle dei signori Mannino Claudia, Di Vita Giulia, Nuti Riccardo e Busalacchi Samantha” per il caso delle firme false a Palermo.

Ancora una svolta, quindi, nel caso delle firme false del M5S per la presentazione delle liste elettorali per le elezioni comunali di Palermo nel 2012. Sigle ricopiate, ma, secondo alcune accuse, anche “clonate”, cioe’ raccolte in altre circostanze – a sostegno dei quesiti referendari, a esempio – e utilizzate per la presentazione delle liste. Ascoltati ieri in Procura, per il secondo giorno di interrogatori, Di Vita, Mannino e Nuti si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Sono intanto saliti a 13 gli indagati dal pm di Palermo: il terzo nuovo indagato, si è appreso sempre oggi,è Riccardo Ricciardi marito della deputatanazionale Loredana Lupo che avrebbe materialmente consegnato la lista delle firme in Comune. Ad arrivare per prima ieri la deputata nazionale Claudia Mannino che, senza rilasciare alcuna dichiarazione ai cronisti presenti, ha raggiunto il procuratore aggiunto Bernardo Petralia che conduce gli interrogatori insieme al sostituto Claudia Ferrari. Sempre ieri sentiti anche il deputato nazionale Riccardo Nuti e il cancelliere del Tribunale Giovanni Scarpello. La decisione dei probiviri era attesa per domani, ma è arrivata ieri stasera a sorpresa sul blog di Beppe Grillo.

Articoli Consigliati

Top