Ti trovi qui
Home > Apertura > Catania, raccolta fondi per il centro autismo: realizzare una parete virtuale

Catania, raccolta fondi per il centro autismo: realizzare una parete virtuale

CATANIA

Viaggiando. Il disordine dello spettro autistico, meglio conosciuto come autismo, è un disturbo del neurosviluppo caratterizzato dalla compromissione dell’interazione sociale e da deficit della comunicazione verbale e non verbale, che provoca ristrettezza d’interessi e comportamenti ripetitivi.

E’ stato questo il tema al centro della serata promossa dal Lions e Leo club Giardini Naxos Valle dell’Alcantara, per raccogliere fondi per la realizzazione di una parete interattiva multimediale con tecnologia robotica attraverso la quale possono essere applicate nuove tecniche di riabilitazione per bambini e giovani con questo disturbo, all’interno del dipartimento di Salute mentale Centro autismo Asp Catania. «Si tratta di una parete virtuale – ha spiegato Renato Schifo, responsabile centro autismo Asp Catania – che realizza un muro in cui attraverso la programmazione informatica si può stimolare il bambino a toccare e a interagire con figure, suoni e rumori. E’ qualcosa di più dinamico rispetto a un libro o a un computer».

Attualmente risultano ancora sconosciute le cause, ma l’unione della scienza con la robotica cerca di creare presupposti per trovare un aiuto concreto. «Se un ragazzo affetto da autismo non viene seguito aumenterà la patologia – ha detto Pippo Fichera, responsabile del dipartimento di salute mentale dell’Asp di Catania – se si interviene si può migliorare. L’azienda sanitaria provinciale vuole ridare al territorio la possibilità di prevenzione primaria e secondaria».

Articoli Consigliati

Top