Ti trovi qui
Home > Apertura > Spariscono i tombini a Catania. I residenti: «Sorvegliano a vista il tombino davanti casa»

Spariscono i tombini a Catania. I residenti: «Sorvegliano a vista il tombino davanti casa»

CATANIA

Spariscono le caditoie ed i tombini nella zona compresa tra i quartieri di Cibali e Monte Po a Catania. Furti a raffica sulla circonvallazione, in via Susanna, sul viale Mario Rapisardi, in via Vigo e in via Ballo. Al posto delle grate restano così voragini pericolose per pedoni e centauri.

Anche gli automobilisti non se la passano meglio perchè, percorrere l’arteria a tutta velocità, vuol dire andare incontro ad un incidente stradale.

«Il tutto avviene in pochi minuti: intere squadre con la giusta attrezzatura sollevano il tombino, lo sistemano nel furgone e ripartono immediatamente alla caccia di altri chiusini. Al cittadino resta una specie di fossato che, di fatto, rende quasi impercorribile la strada. Molte buche vengono segnalate o messe in sicurezza in poco tempo ma l’emergenza è troppo grande e spesso operai e materiale ferroso sono insufficienti».

A parlare è Francesco Saglimbene, componente della commissione alla Viabilità. E’ lui che, insieme ad altri consiglieri comunali, sta mappando le zone della città a maggior rischio furti.

« Il mercato nero dei materiali ferrosi è sempre fiorente perchè c’è una continua richiesta- spiega Giuseppe Catalano, componente della commissione ai Lavori Pubblici- in questo contesto Catania paga un grosso prezzo perchè, oltre alla ghisa, i ladri puntano al rame e lasciano interi isolati completamente al buio».

Di allarmi del genere ne sono stati lanciati molti in passato, ma stavolta i segnali sono veramente preoccupanti. Potenziata la manutenzione stradale e la cura del verde resta comunque irrisolto il nodo sicurezza nei quartieri di Monte Po, Nesima, Trappeto Nord, San Giovanni Galermo, Cibali e San Nullo.

« In molte vie ci sono più new jersey e transenne che chiusini e caditoie. E non si tratta di una esagerazione- dice Ersilia Saverino, componente della commissione al Bilancio-  un problema che- è vero- riguarda l’intera città ma che in queste zone, negli ultimi mesi, ha raggiunto livelli allarmanti con i residenti che sorvegliano a vista il tombino davanti casa»

 

 

Articoli Consigliati

Top