Ti trovi qui
Home > Apertura > «No alla violenza sulle donne», le foto profilo Facebook “parlano”

«No alla violenza sulle donne», le foto profilo Facebook “parlano”

Impazza su Facebook la campagna di Act!onaid, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne che si celebra domani; nei vari profili, donne e uomini, pubblicano la proprio foto con una scritta semplice, ma significativa: «No alla violenza sulle donne». E non solo, anche i commenti di chi decide di pubblicare o di amici sono di estrema condanna per chi commette atti del genere.

Proprio per tali ragioni,  l’associazione umanitaria Act!onaid, lotta per i diritti degli indifesi, in particolare donne e bambini. Ha il fine  prevenire e contrastare la violenza sulle donne in ogni sua forma, e da anni la onlus porta avanti campagne di sensibilizzazione e d’informazione e chiede alle istituzioni risposte efficaci, attraverso servizi adeguati e anche a livello legislativo. Ma non si ferma solo alle istituzioni, infatti i volontari agiscono per sensibilizzare e per cambiare anche i comportamenti delle persone, sostenendo donne, ragazze e bambine nella sfida contro le barriere di ordine socio-culturale che sono all’origine della violenza e a identificare  i cambiamenti che vorrebbero attuare nelle loro case, scuole e comunità.

Secondo una recente indagine Istat, nel 2015 la  violenza contro le donne è un fenomeno ampio e diffuso. Infatti sono 6 milioni 788 mila donne hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni: il 20,2% ha subìto violenza fisica, il 21% violenza sessuale, il 5,4% forme più gravi di violenza sessuale come stupri e tentati stupri. Sono 652 mila le donne che hanno subìto stupri e 746 mila le vittime di tentati stupri. A commettere violenza sono soprattutto i  partner attuali o gli ex che non si arrendono alla fine di un rapporto. Il 62,7% degli stupri è commesso da un partner attuale o precedente. Gli autori di molestie sessuali sono invece degli sconosciuti nella maggior parte dei casi (76,8%). Ma è anche vero che grazie alla grande sensibilizzazione delle reti sociali antiviolenza, al coraggio che le donne negli ultimi anni hanno nel denunciare, il dato negli ultimi cinque anni è sceso dal 13% al 11%. Sempre secondo l’Istat è un risultato frutto di una maggiore informazione, del lavoro sul campo, ma soprattutto di una migliore capacità delle donne di prevenire e di combattere il fenomeno. E allora ben venga anche il tam-tam mediatico se può servire per riflettere su un fenomeno diffuso in tante case e soprattutto per denunciare atti di violenza che purtroppo alle volte sfociano nei peggiori dei finali.

 

Articoli Consigliati

Top