Ti trovi qui
Home > Cronaca > Messina: infermieri sul piede di guerra per le problematiche d’organico

Messina: infermieri sul piede di guerra per le problematiche d’organico

MESSINA

L’organizzazione sindacale FSI-USAE, in sede di delegazione trattante, ha preso visione delle problematiche inerenti la mobilitò volontaria interna destinata al personale infermieristico del dipartimento di salute mentale, inerente i moduli dipartimentali di Barcellona/Patti-Sant’Agata e Militello/Mistretta con la quale questa azienda formalizza “Esuberi” di infermieri presso i predetti MM.DD. e “Gravi Carenze” presso i P.O. di Milazzo e Patti.

Questi esuberi vengono formalizzati in base alla pianta organica, ma in essere tale personale serve per garantire a malapena il minimo dei L.E.A., considerando il numero cospicuo di infermieri che beneficia dei permessi legge 104.
In considerazione del fatto che dalla mobilità volontaria interna bandita dall’ASP 5 di Messina non sono arrivate richieste di trasferimento,  l’azienda di concerto con tutte le sigle sindacali dovrà prendere una decisione.

«Noi, come FSI – riporta la nota – abbiamo proposto che tutto il personale che beneficia della 104 venga trasferito d’ufficio in prossimità dei luoghi di residenza, che tutto il personale con limitazioni venga sottoposto a visita medica per la conferma della diagnosi, che tutti i presidi riorganizzino il proprio personale e che di sollecitare le assunzioni di personale sanitario».

Le parti hanno concluso l’incontro per riaggiornarsi sui diversi livelli di interlocuzione al fine di definire l’esame dei suesposti temi e quindi arrivare ad una soluzione.

Articoli Consigliati

Top