Ti trovi qui
Home > Cronaca > Siracusa: il Vermexio perde pezzi

Siracusa: il Vermexio perde pezzi

SIRACUSA

I rappresentati comunali di Progetto Siracusa Massimo Milazzo e Fabio Rodante hanno dato il via alle dimissioni dal Consesso Civico, seguiranno altri consiglieri di minoranza.

Terremoto politico al Vermexio. I consiglieri d’opposizione Massimo Milazzo e Fabio Rodante hanno consegnato le proprie dimissioni alla presidenza del Consiglio. Le motivazioni per cui i rappresentati di Progetto Siracusa lasciano il civico consesso sono da attribuire a due problematiche: i veleni sulle indagini dell’ormai famoso “Sistema Siracusa” denunciato dalla collega dell’area riformista del Pd Simona Princiotta, e soprattutto all’inattività della giunta Garozzo, che a loro dire in tre anni non ha prodotto nulla di utile per la città.  «Chiediamo di fare altrettanto al primo cittadino e all’intera giunta – dice il consigliere Massimo Milazzo – ma anche a tutti i consiglieri comunali che sostengono l’amministrazione. I cittadini mi hanno dato un mandato  che devo assolutamente rispettare, ed è l’onestà e la chiarezza che s’aspettano ogni giorno da me, basti pensare che porto il peso d’essere stato il consigliere più votato in aula, ma dinanzi all’ inattività, alla passività di un governo non posso restare immobile e indifferente. Scelgo di lavorare per il bene della mia città, ma dall’ esterno anche perché l’amministrazione dovrebbe confrontarsi con noi e fornire chiarimenti, e tutto tace».

Anche Fabio Rodante è dello stesso avviso del collega Milazzo, precisa infatti «come anche io continuerò a fare politica con maggiore determinazione, ma non sedendomi in aula. Le dimissioni rappresentano l’unica strada per fare in modo che i siracusani credano ancora nella buona politica, nelle azioni fatte da persone che in questi anni non hanno avuto benefici, ma che al contrario si sono spesi per il bene collettivo. Ma chiaramente stanchi di proseguire in un governo affetto da immobilismo».

Le dimissioni dei due rappresentanti di Progetto Siracusa sono state  protocollate stamane e i posti che Milazzo e Rodante lasceranno vacati saranno occupati da i primi due dei non eletti della lista: Franco Zappalà e Dario Tota. Lunedì invece sarà il turno di  Cetty Vinci e di Salvo Sorbello che con una nota hanno precisato come «Dobbiamo staccare la spina al Consiglio comunale. È questo l’obiettivo a cui miriamo in maniera collettiva. Ciò è possibile – spiegano Vinci e Sorbello- solo con le dimissioni contemporanee di almeno 21 consiglieri. E invitiamo tutti rappresentati a palazzo di governo cittadino fare lo stesso. Ci saranno 5 giorni di tempo per firmare le dimissioni e tentare di ridare dignità a Siracusa, mettendo la parola fine a questa amministrazione comunale».

Dello stesso avviso anche la loro collega Simona Princiotta che precisa come «porterà anche io le mie dimissioni e lo farò per mandare a casa il governo Garozzo, staccare la spina ad un’amministrazione con molti punti oscuri, di certo non per dare loro l’occasione di rafforzare la maggioranza».

 

Articoli Consigliati

Top