Ti trovi qui
Home > Cronaca > Messina: blitz dei carabinieri, arrestato esponente della mafia di origine albanese

Messina: blitz dei carabinieri, arrestato esponente della mafia di origine albanese

MESSINA

Barcellona Pozzo di Gotto. I Carabinieri nel corso di un blitz hanno arrestato Zanmir Dajcaj, 43enne, ritenuto esponente di spicco della “ala mazzarrota” della famiglia mafiosa barcellonese.

messina-boss-albanese-ultimatv

L’operazione, che ha coinvolto numerosi militari in divisa e in borghese, anche con il supporto aereo del Nucleo Elicotteri dell’Arma di Catania, ha permesso di rintracciare e trarre in arresto l’uomo.

L’albanese, condannato nel 2014 a 12 anni di carcere nell’ambio dell’indagine “Gotha – Pozzo II”, concluso il termine massimo di custodia cautelare, era stato sottoposto dalla Corte d’Assise d’Appello di Messina al divieto di dimora nella provincia di Messina.

I Carabinieri hanno accertato invece che il 43enne da tempo dimorasse a Terme Vigliatore. Si nascondeva in una costruzione abusiva in contrada Case Bruciate, a ridosso del torrente Mazzarrà, in una casa in muratura dotata di tutti i comfort: stanze da letto, bagni, soggiorno con camino, a ridosso di un vivaio di piantine di agrumi ornamentali.

Le indagini hanno permesso non solo di individuare lo straniero a Terme Vigliatore ma anche di documentarne la sua attivita’ di vivaista abusivo che quotidianamente svolgeva in violazione delle prescrizioni imposte.

Articoli Consigliati

Top