Ti trovi qui
Home > Cronaca > Augusta, in aula consiliare il caso dei lavoratori dell’Augustea

Augusta, in aula consiliare il caso dei lavoratori dell’Augustea

SIRACUSA

Augusta. Nel comune megarese si terrà un consiglio comunale sulla vicenda che riguarda i 28 lavoratori dell’Augustea e della Rimorchiatori Augusta a rischio mobilità. Il gruppo Augustea è la società capo del gruppo armatoriale  che opera nei principali settori marittimi del rimorchio portuale e di altura, con servizi affidabili ed efficienti, conosciuta in tutto il mondo e facente capo alla famiglia degli armatori Cafiero-Zagari. La vicenda sarà discussa in aula perché lo scorso aprile 2016 il gruppo ha effettuato la  vendita azionaria dell’azienda, comprendente solo l’attività della rimorchiatori Augusta, la società ha anche siglato un contratto di prestazione di servizi per l’assistenza tecnica e amministrativa con le aziende del gruppo per un periodo massimo di 18 mesi. La richiesta del consiglio comunale è partita dalla Filt- Cigl, ma è sposata anche dagli altri sindacati di categoria. Infatti il segretario generale territoriale della Uil Siracusa Stefano Munafò, alza la voce.

«L’efficienza per noi è un elemento centrale, non siamo legati al nome dell’azienda ma per quei posti di lavoro che devono essere salvaguardati. Si tratta di tante persone che gestiscono le attività all’interno del porto megarese: quando arriva una nuova società occorre sempre mantenere un equilibrio, non si possono effettuare dei tagli pur sapendo che noi subiamo da questa attività un inquinamento marino e di tutto il sistema. Le grandi imprese si devono far carico del livello occupazionale, non è pensabile ad una riduzione perché tante famiglie sarebbero veramente in difficoltà». Per i sindacati è utile fare chiarezza sulla vicenda e sensibilizzare quanto più l’opinione pubblica e le istituzioni. Infatti Cgil, Cisl e Uil resteranno uniti e saranno disponibili ad affrontare tutte le problematiche inerenti al caso dei lavoratori.

 

Articoli Consigliati

Top