Ti trovi qui
Home > Apertura > Catania, nuovo rimpasto in giunta. Dopo Sant’Agata si cambia

Catania, nuovo rimpasto in giunta. Dopo Sant’Agata si cambia

CATANIA

Nel palazzo le voci si rincorrono veloci e parlano di un nuovo rimpasto in seno alla giunta. Il passaggio dovrebbe arrivare subito dopo Sant’Agata, quando le alleanze tra i partiti saranno più chiare. Almeno due poltrone dovrebbero cambiare identità, in un ventaglio di soluzioni che vede in lizza quattro assessorati. Sarebbero quelli di Luigi Bosco (dato però come il meno probabile), di Salvo Di Salvo, di Valentina Scialfa e di Orazio Licandro. Attualmente si tratterebbe solo di ipotesi di avvicendamento, legate chiaramente agli apparentamenti sui quali si lavora già da qualche settimana.

Il primo a subentrare, dopo il maquillage, dovrebbe essere il consigliere Carmelo Sofia. L’idea iniziale era quella di attribuirgli una serie di incarichi speciali legati al Cimitero, al Mare e al Porto, proposta non gradita dall’interessato, che punta apertamente alla “poltrona”. Anche Lanfranco Zappalà, uomo prima in quota Burtone, rientrerebbe nel giro dei nuovi volti, consacrato con la delega al Turismo. Un’ipotesi concepita da diverso tempo ma al momento congelata. Il futuro immediato del posto vacante al turismo vede ancora l’opzione di un profilo esterno a cui affidare l’incarico.

Nel frattempo si fanno più insistenti le voci di possibili dimissioni da consigliere del neo assessore alle attività produttive, Nuccio Lombardo. Questa operazione consentirebbe l’ingresso in consiglio comunale di Natale Russo, il primo dei non eletti nella lista Primavera per Catania (che andrebbe in orbita Articolo 4 nel prossimo rendez-vous).

Oggi Enzo Bianco, in tandem con il “fresco” capo di gabinetto Beppe Spampinato, lavora soprattutto sul rafforzamento della maggioranza. Una costruzione più solida, necessaria ad arginare possibili scossoni in vista delle elezioni regionali. Il riferimento è “Primavera per Bianco”, gruppo che non risulta ufficialmente costituito e nato per decisa volontà del primo cittadino di Catania. Una lista vincente secondo l’idea del suo creatore.

Ma l’attenzione resta sempre concentrata sul gruppo misto, con i suoi componenti in vetrina e pronti a cogliere la proposta migliore. Da qui al 2108, però, “Primavera per Bianco” non sarà la sola lista civica a venire alla luce a Palazzo degli Elefanti.

Articoli Consigliati

Top