Ti trovi qui
Home > Cronaca > Coste egiziane: fermati due pescherecci di Mazara del Vallo

Coste egiziane: fermati due pescherecci di Mazara del Vallo

Due pescherecci della flotta di Mazara del Vallo sono stati fermati la scorsa notte a circa 27 miglia dalla costa egiziana, in acque internazionali. Si tratta del “Ghibli I” e del “Giulia” con a bordo complessivamente 14 membri d’equipaggio, otto italiani e sei tunisini. A confermarlo è il presidente del Distretto della Pesca di Mazara del Vallo, Giovanni Tumbiolo, al lavoro dalla scorsa notte per seguire gli sviluppi della vicenda.

«La filiera istituzionale si è mobilitata sin dalle prime ore – dice Tumbiolo – , con l’assessore regionale Antonello Cracolici a stretto contatto con il sottosegretario al ministero degli Affari Esteri, Vincenzo Amendola, e l’ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Sono stati presi contatti con le autorita’ militari. L’equipaggio sta bene, a bordo ci sono i capitani dei motopesca e i membri dell’equipaggio. Il fermo è avvenuto palesemente in acque internazionali ed è provato dai tracciati e dai sistemi di controllo satellitari. Tutto lascia presagire che si tratti di un semplice controllo. Ancora una volta – sottolinea Tumbiolo – i nostri pescherecci pagano il dazio di un’interruzione forzata della pesca che crea nocumento e danno economico alle imprese e ai pescatori stessi. Siamo fiduciosi, tutta la filiera istituzionale è al lavoro, anche il sottosegretario alla Pesca dell’Egitto èimpegnato per chiarire la situazione, per capire quali sono le ragioni di questo incomprensibile fermo».

Articoli Consigliati

Top