Ti trovi qui
Home > Apertura > Oggi si torna a pagare la sosta in piazzale Sanzio…ops si è sempre pagata

Oggi si torna a pagare la sosta in piazzale Sanzio…ops si è sempre pagata

CATANIA

Ieri mattina i ragazzi e gli insegnanti della scuola Lombardo Radice di Catania, come tutti i giorni, hanno parcheggiato la propria auto negli spazi a strisce blu del parcheggio scambiatore Amt di piazzale Sanzio. Lo hanno fatto, come tutti i giorni, senza pagare la tariffa stabilita. Da mesi (o forse anni) infatti quel parcheggio, per via di lavori, non è stato più sottoposto al controllo dell’esposizione del tagliandino che accertasse l’avvenuto pagamento della sosta.

Ma proprio la scorsa mattina degli operatori comunali hanno “allertato” coloro che posteggiavano che da quest’oggi la tariffa è nuovamente attiva. E così è cominciata la protesta del personale scolastico e soprattutto degli alunni che dovranno pagare ogni giorno per usufruire degli spazi frontali all’istituto. Incuriositi dalla vicenda abbiamo deciso di contattare il neo presidente della Amt, Puccio La Rosa per chiedere dei chiarimenti sulla vicenda.

A-strisce blu- sostare- amt-sanzio-catania-ultimatv

La Rosa è rimasto sorpreso dal fatto che dei dipendenti comunali abbiano “avvisato” i cittadini di ritornare a pagare la tariffa in quanto, a suo dire, non c’è mai stata un’interruzione del servizio e quindi del pagamento. Questo fa ovviamente dedurre che ci sia stata una sospensione dei controlli poiché nessuno è mai stato sottoposto ad una sanzione.

«Le tariffe sono state sempre attive. Ci saranno state delle lacune dal punto di vista dei controlli ma non sarà più così. Stiamo, infatti, tentando di rimettere in moto un meccanismo che si era inceppato», spiega La Rosa.

Chiarita la situazione tariffe, abbiamo posto al presidente Amt la questione di una mancanza totale di parcheggi gratuiti nell’intera area del piazzale che comporta una spesa ingiusta per i ragazzi del Lombardo Radice: 1, 70 euro per mezza giornata.

«I parcheggi a pagamento sono un bene in quanto ci aiutano a combattere il fenomeno dei posteggiatori abusivi. Questo garantisce anzitutto un sistema di legalità. Stiamo valutando delle agevolazioni per il personale docente e per i ragazzi della scuola come abbonamenti a tassi ridotti, soluzioni che valuteremo e, eventualmente, applicheremo nelle prossime settimane. Per il momento, però, saranno (come sono sempre state) attive le tariffe standard che, comunque, sono notevolmente ridotte rispetto a quelle della Sostare», conclude La Rosa.

Insomma, da un alto il dramma dei ragazzi che devono pagare per andare a scuola e dall’altro la comicità di un amministratore che si sorprende per l’atteggiamento dei propri dipendenti. La solita Catania…

 

Articoli Consigliati

Top