Ti trovi qui
Home > Calcio > Palermo, Zamparini: «De Zerbi paga l’inesperienza, ma resto fiducioso»

Palermo, Zamparini: «De Zerbi paga l’inesperienza, ma resto fiducioso»

PALERMO

Il presidente del Palermo rassicura sul futuro e sulla trattativa con i cinesi e conferma la fiducia in De Zerbi. «De Zerbi fino a fine stagione? Me lo auguro, ci sono affezionato. Manca d’esperienza ma io e Di Marzio lo stiamo aiutando». Maurizio Zamparini per adesso si tiene il suo allenatore anche se il Palermo naviga in cattive acque e ieri, col Milan, ha incassato la quinta sconfitta di fila. «Non sono arrabbiato, semmai un po’ avvilito – racconta ai microfoni di ‘Radio Anch’io Sport’ su RadioUno – Sul campo ieri non si sono visti 20 punti di differenza, il Palermo ha giocato alla pari col Milan, forse anche meglio e due episodi sfortunati ci hanno fatto perdere. Purtroppo stiamo toccando il fondo, apprezzo De Zerbi ma non conosce la categoria e abbiamo avuto molti infortuni di giocatori importanti e solo ora stanno piano piano rientrando. Sono comunque fiducioso, sono triste per queste sconfitte ma ieri ho visto un buon Palermo giocare con un buon Milan». Tornando a De Zerbi, arriva una tirata d’orecchi («non è possibile lasciar tirare Suso dieci volte tutto solo») ma anche una carezza: «A me stesso dico di tenerlo perché è un allenatore buono. So che sta lavorando bene ma sta pagando l’inesperienza e un andazzo italiano per cui non si copia il football americano dove ci sono anche allenatori di settore che in futuro dovremmo avere anche noi».

Maurizio Zamparini conferma una volta di più la volontà di cedere il club rosanero ma solo davanti all’acquirente giusto: «Il mio carattere è quello di uno che non molla e darò il Palermo in buone mani». «Da tre, quattro, cinque mesi ho delle trattative con dei fondi cinesi – spiega ai microfoni di ‘Radio Anch’io Sport’ su RadioUno – Voglio cedere il Palermo, ho 75 anni e da due anni cerco gente che voglia prendere il club. Voglio lasciarlo davvero e nel frattempo cerco di gestirlo nel miglior modo possibile, siamo in fondo alla classifica ma ne verremo fuori».

Articoli Consigliati

Top