Ti trovi qui
Home > Cronaca > Il funerale show, le minacce a Giarrusso: «Non le temo»

Il funerale show, le minacce a Giarrusso: «Non le temo»

CATANIA

«Hai rovinato i funerali di un bambino di 16 anni, pezzo di merda. Ti auguriamo lo stesso dolore. Puoi chiedere conto a chi vuoi, noi siamo noi e mio nipote un piccolo grande uomo non un boss; anche quel cesso del giornalista che ha scritto più minchiate di te e ne dovrete dare conto di tutto questo». Parole che hanno il sapore della pubblica scomunica, quelle che Giuseppe Ruscica ha rivolto al senatore Michele Giarrusso.

Passano poche ore di meditazione e questa volta arriva una chiara minaccia privata al politico. A firmarla è un certo Mario Pardo: «Si semu mafiusi comu rici tu ma ti scannu. Ti troverò dove abiti. Noi siamo persone per bene che andiamo a lavorare ma siccomu tu rici ca semu mafiusi te sparari nda testa».

Giarrusso, che fa parte della Commissione parlamentare Antimafia, è intervenuto nei giorni scorsi in Senato in merito all’organizzazione del funerale di “bananedda”, il ragazzo di sedici anni morto in un incidente nel quartiere San Leone a Catania. Ecco il racconto.

Articoli Consigliati

Top